Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

«Un'importante misura che rassicura i Comuni e le famiglie». Franco Manes favorevole al "decreto istruzione" approvato dal Governo

comunicato stampa

Il Celva, delegazione Anci della Valle d’Aosta, esprime soddisfazione per l’approvazione del “Decreto istruzione” di martedì 6 agosto, da parte del Consiglio dei Ministri, all’interno del quale è stato chiarito come i Comuni, se in possesso dei fondi sufficienti, potranno continuare a integrare le spese per il servizio scuolabus gratuito destinato alle famiglie.
In merito al trasporto scolastico, il decreto, infatti, riporta che la quota di partecipazione diretta, dovuta dalle famiglie per l’accesso ai servizi di trasporto degli alunni, può essere, in ragione delle condizioni della famiglia e sulla base di delibera motivata, inferiore ai costi sostenuti dall’ente locale per l’erogazione del servizio, o anche nulla, purché sia rispettato l’equilibrio di bilancio.

Franco Manes, presidente del Celva, dice: “Finalmente si chiarisce la norma che aveva sollevato polemiche nelle scorse settimane, dopo la delibera della Corte dei Conti del Piemonte, e che aveva creato preoccupazioni anche fra i nostri enti".
"Il nostro impegno politico di Amministratori - sottolinea Manes – è sempre andato nella direzione di garantire i servizi alla cittadinanza, soprattutto in un contesto di piccoli Comuni montani come il nostro, in primis contro lo spopolamento. L’approvazione di questa misura, nel decreto legge del Governo, rassicura gli Amministratori locali e le famiglie, ed è anche frutto di un preciso interessamento che il Celva e le delegazioni Anci regionali hanno condotto in queste settimane”.