Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La Federconsumatori denuncia l'aumento delle bollette: in questi tre ultimi anni +18% per quella elettrica e +47% per quella del gas

redazione 12vda.it

«La bolletta elettrica è aumentata in tre anni del 18% e quella gas del 47%» è la costatazione della Federconsumatori Valle d'Aosta. «Questi i dati sconfortanti dell’ultima indagine che riporta aumenti sopra tutte le medie europee che si attenuano solo dallo scorso 1 aprile con le piccole diminuzioni decise dall’autorità di settore dopo l’adozione di nuovi criteri di calcolo» si legge in una nota.
Non solo per i privati ma anche per l'industria, le piccole e medie imprese del commercio e dei servizi i costi dell'energia rappresentano un grave handicap sia in valore assoluto che rispetto alla concorrenza estera.
«La colpa è sicuramente del fisco - prosegue la Federconsumatori Valle d'Aosta - ma anche degli oneri impropri che vengono caricati in bolletta e che rappresentano un sovraccarico dei costi di un sistema iniquo come quello in atto nel settore distributivo dell’energia».
Le recenti indagini, compresa quella presentata al forum di Confcommercio a Cernobbio, mostrano un costo dell'energia elettrica in Italia superiore del 25% alla media europea, con punte del 100% se il confronto si fa con la Francia. Gli studi dimostrano come la penalizzazione sia particolarmente sentita nel commercio e nell’artigianato, negli esercizi al dettaglio alimentari e non, nei bar, ristoranti e alberghi dove si sconta per l'elettricità un aumento, negli ultimi tre anni, pari al 18%.
«Il dato più eclatante, che vale anche per le utenze domestiche, è l'incremento del costo della fornitura dovuto all'aumento degli oneri impropri e parafiscali, dalla tassazione e da alcuni corrispettivi legati all'attività di dispacciamento malgrado in tre anni il peso della materia prima si sia ridotto del 12% scendendo al 40% del costo totale. Il peso degli oneri impropri è invece più che raddoppiato ed è passato al 23%».
«La quasi totalità delle imposte - conclude la Federconsumatori - è invece sopportata dai "piccoli", con 500 milioni di euro a carico delle imprese del commercio e dei privati. Sono salvi i grandi consumatori che pagano solo 2 euro per ogni 1.000 kWh consumati, valore che lievita a sei volte tanto per le piccole imprese».