Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Il valdostano Stefano Unterthiner è il "fotografo dell'anno" per il "Natural History museum" di Londra

Elena Meynet
La foto vincitrice di Stefano Unterthiner

Stefano Unterthiner, 38 anni, aostano, è il "fotografo dell'anno", vincitore della sezione "Animal portraits" (ritratti di animali) del "Bbc wildlife photographer of the year", la più prestigiosa competizione internazionale di fotografia naturalistica, organizzata dal "Natural History museum" di Londra. Unterthiner ha così conquistato la copertina del magazine britannico "Bbc Wildlife" e quella del catalogo del premio con il suo ritratto di una rara specie di primate, il cinopiteco (Macaca nigra), nell'isola indonesiana di Sulawesi, che potete ammirare qui a fianco.
Da diversi anni, Stefano Unterthiner cerca di inserire le specie fotografate nel contesto ambientale, utilizzando spesso il grandangolo, come nel caso della fotografia vincitrice ottenendo così immagini di grande effetto e suggestione. L'opera del fotografo aostano, è anche quella più votata dai visitatori del sito web del museo.
C'è un po' di Valle d'Aosta anche nel premio che è stato assegnato ad Alessandro Oggioni, l'altro italiano premiato nella competizione di fotografia naturalistica, che ha conquistato il primo premio nella categoria riservata agli "under 10". L'immagine è stata scattata dal giovane fotografo nel Parco del Gran Paradiso e ritrae una volpe che, accortasi del giovane sciatore, ha lasciato il rifugio tra i rami per fuggire nella neve, mentre il vincitore assoluto della 44esima edizione del "Premio" è invece lo statunitense Steve Winter, con una foto di leopardo delle nevi scattata in India.
Unterthiner fotografa dall'età di diciassette anni ed è laureato in scienze naturali all'Università di Torino: successivamente si è specializzato in zoologia all'ateneo di Aberdeen, in Scozia. Durante gli studi non ha mai smesso di fotografare la natura in giro per il mondo e nelle montagne valdostane. Dopo la laurea, nel 2000, ha iniziato l'attività professionale come fotografo naturalistico e giornalista, vincendo il "Mario Pastore", prestigioso premio assegnato al miglior articolo sull'ambiente scritto da un giovane giornalista.
L'attività professionale di Stefano Unterthiner è cresciuta con la pubblicazione di diversi libri fotografici e con la collaborazione con testate del calibro di "National Geographic", "Geo", "Bbc Wildlife", "Terre Sauvage", "Animan" ed "Airone": nel marzo del 2007 è diventato membro della "International league of conservation photographers - Ilcp", organizzazione internazionale di fotografi professionisti per la tutela ambientale, ed attualmente è impegnato nel progetto "Wild wonders of Europe", con il quale si intende far conoscere in tutto il mondo la straordinaria ricchezza della natura europea.

timeline