Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Modificate le norme per la tutela e la gestione della fauna selvatica e per la caccia: il corvo, lo storno e la taccola diventano specie protette

redazione 12vda.it

Con diciannove voti a favore e le undici astensioni del consiglieri di Alpe, Partito Democratico ed Union Valdôtaine Progressiste, il Consiglio Valle ha approvato, lunedì 8 aprile, in occasione dell'ultima adunanza della tredicesima Legislatura, il disegno di legge che modifica le norme per la tutela e la gestione della fauna selvatica e per la disciplina dell'attività venatoria che sono rispettivamente le leggi regionali numero 64 del 1994 e numero 16 del 2012.
Il provvedimento modifica alcune disposizioni, tra le quali la sanzionabilità della mancata custodia dei cani da caccia, l'elenco delle specie tracciabili che non ricomprende più il corvo, lo storno e la taccola, oltre che l'istituzione, presso il "Comitato regionale per la gestione venatoria", di una commissione disciplinare con il compito di esprimere parere sul divieto di rilascio del tesserino regionale per esercitare la caccia.
La nuova legge prevede anche che "qualora il numero di cacciatori già iscritti risulti tale da compromettere la gestione delle specie cacciabili compatibile con le dinamiche demografiche finalizzate all'aumento della selvaggina o non permetta di assicurare una quota pro-capite media di animali prelevabili assegnati omogenea in tutte le circoscrizioni venatorie, il "Comitato regionale per la gestione venatoria", nelle more di approvazione del "Piano regionale faunistico-venatorio", può assegnare d'ufficio tutti o parte dei cacciatori in sovrannumero alle altre sezioni comunali, secondo criteri stabiliti dal Comitato medesimo e approvati dalla struttura regionale competente in materia di fauna selvatica".
 

timeline