Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Sabato 22 settembre, ad Aosta, giornata simbolica senza auto: «l'aria sta migliorando» assicura Delio Donzel

redazione 12vda.it

Il traffico nel centro di Aosta Si terrà sabato 22 settembre, anche ad Aosta la giornata europea "In città senza la mia auto", iniziativa di sensibilizzazione all'uso dei mezzi pubblici inserita nel quadro della "Settimana europea della mobilità sostenibile" promossa dalla Commissione Europea.
Per tutta la giornata la zona dentro le mura romane sarà chiusa al traffico automobilistico e gli agenti della Polizia locale lasceranno passare solo mezzi ad emissioni zero o alimentati a gpl o metano.
Piazza Chanoux si trasformerà in uno spazio di socializzazione ed in una palestra all'aria aperta per la pratica di attività sportive con decine di istruttori e volontari appartenenti a società ed enti sportivi che saranno a disposizione per dimostrazioni di diverse discipline: «questa manifestazione - ricorda Delio Donzel, assessore comunale all'ambiente - rientra nel "Piano di controllo dell'aria", istituito da Alberto Cerise quando era assessore regionale all'ambiente. "In città senza la mia auto" vuole essere un momento di riflessione sull'opportunità dell'utilizzo dell'auto, per cercare di far capire che esistono alternative al mezzo personale. Sappiamo già che la situazione dell'aria, ad Aosta, è migliorata, sia per il cambio dell'alimentazione dei mezzi pubblici da gasolio a metano, sia per l'avvio del progetto "Cityporto", ma anche per l'evoluzione tecnologica che sta facendo scomparire gli inquinanti "euro zero" a favore dei più ecologici "euro 4" e, da quest'anno "euro 5". Un ulteriore fattore di miglioramento della qualità dell'aria nella nostra città è dovuto alla crisi economica ed all'aumento dei costi del carburante che ha limitato l'utilizzo delle auto. I dati reali li diffonderemo ad ottobre, durante la consueta riunione dell'Osservatorio per la qualità dell'aria».
L'edizione 2012 della manifestazione sarà dedicata alla promozione della bicicletta: alle ore 11 nella sala "Hotel des Etats" del Municipio aprirà un'esposizione fotografica dedicata alla storia della manifestazione "Biciclettiamoci" che resterà allestita e visitabile gratuitamente per tutta la giornata mentre alle ore 14 prenderà il via "Ribiciclettiamoci 2012", "biciclettata" amatoriale a carattere turistico, sportivo ed ambientale che vuole rievocare e rendere omaggio nel trentennale la manifestazione tenutasi nel 1982: «abbiamo cercato di coinvolgere quante più possibili società sportive, associazioni e ragazzi - aggiunge Patrizia Carradore, assessore comunale allo sport - per una valorizzazione globale dell'ambiente che faranno anche sportivi. Auspichiamo una grande partecipazione della popolazione».
Il programma prevede il ritrovo, a partire dalle ore 12.30 in via Torino, la distribuzione delle magliette ricordo e alle ore 14 la partenza della "biciclettata" con arrivo in piazza Chanoux dopo circa mezz'ora. Alle ore 15 sul sagrato della avranno inizio le varie dimostrazioni sportive tra cui il "baskin" ed il "badminton", sport molto popolare nei Paesi orientali e anglosassoni. Sarà possibile, inoltre, effettuare passeggiate in carrozza e cimentarsi nei laboratori di riciclo creativo ideati dall'associazione "Ritriciclò", che produrranno oggetti utilizzando tastiere per computer, capsule del caffè e bottiglie di plastica e presenteranno una bicicletta realizzata con le lattine utilizzate lo scorso anno dai bambini delle scuole di Aosta.
Alle ore 17.30 si terrà il "Quizzone storico" composto da una serie di quesiti sulla città di Aosta: le schede con le risposte più complete parteciperanno al sorteggio che metterà in palio premi in "buoni acquisto" messi a disposizione dai negozianti che aderiranno alla manifestazione. A seguire si terranno gli interventi dell'ex sindaco di Aosta, Gianni Torrione, che racconterà la genesi della manifestazione "Biciclettiamoci" e di Luca Panichi, 43 anni, ciclista dilettante che, nel 1992, si era classificato 40esimo al "Giro d'Italia" vinto da Marco Pantani, costretto su una sedia a ruote dopo un incidente durante il "Giro ciclistico dell'Umbria" nel luglio del 1994: «nonostante la menomazione - racconta Gianfranco Nogara, presidente del "Csen" Valle d'Aosta, che organizza la parte sportiva della manifestazioni per conto del Comune di Aosta - non ha voluto rinunciare al sogno di essere corridore ciclista, e sorretto da una grande forza di volontà e da un allenamento intenso, ha portato a termine negli anni una serie di importanti imprese sportive. Tra queste, la scalata, in carrozzina, nel 2009, del Blockouse in Abruzzo, arrivo di tappa al "Giro d'Italia", con i telecronisti "Rai" Davide Cassani ed Auro Bulbarelli per fare la cronaca della salita, come pure, in occasione del "Giro" del 2010, la scalata al Passo del Tonale e, nel 2011, la conquista del Ghiacciaio del Colle Gallo Grossglockner. Nel pomeriggio i filmati di alcune delle sue imprese più belle saranno riprodotti su televisori posizionati nell'atrio del Municipio».

timeline