Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Un fungo sta uccidendo l'ippocastano davanti alla chiesa di Tour d'Héréraz, che sarà abbattuto dopo 88 anni

redazione 12vda.it
La chiesa di Tour d'Héréraz circondata dagli alberi

Nei prossimi giorni sarà abbattuto l’ippocastano antistante la chiesa di Tour d’Héréraz, a Perloz, a causa del fatto che, nel corso dei controlli periodici eseguiti dalla struttura regionale competente, sono emersi evidenti segni di deperimento della pianta, dovuti a un fungo del legno, con danni a carico soprattutto dell’apparato radicale.
Una perizia più approfondita, messa in atto per accertare se vi fossero rischi di cedimento dell’albero, ha evidenziato la veloce avanzata dell’infezione fungina e il degrado dei tessuti legnosi in corrispondenza della base e delle radici della pianta. E’ stata quindi rilevata la necessità di un abbattimento dell’ippocastano in tempi brevi, per prevenire eventuali incidenti, tra cui una possibile caduta improvvisa che potrebbe coinvolgere i passanti.
L’ippocastano di Tour d’Héréraz era stato dichiarato “albero monumentale”, ai sensi della legge regionale numero 50 del 21 agosto 1990, soprattutto in virtù della caratterizzazione del luogo e per il suo legame intrinseco con il territorio. L’albero era stato piantato nel 1925 dall’allora parroco don Théophile Glésaz, appassionato di piante.
In mancanza di cure adeguate così come di altre possibili soluzioni, l'Assessorato regionale all'agricoltura e risorse naturali procederà con rammarico al taglio della pianta, che sarà eseguito in amministrazione diretta dalle maestranze specializzate.