Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Ancora un incidente sulla "circonvallazione" di Aosta: consegnare velocemente una pizza è più importante che rispettare il codice della strada

redazione 12vda.it
Le due 'Punto' dopo l'incidente sulla 'circonvallazione' di Aosta

Sono stati dimessi nella mattinata di lunedì 14 gennaio la donna 44enne ed il ventenne che sono rimasti convolti in un incidente stradale nella serata di domenica 13 gennaio, sulla "circonvallazione" di Aosta, in corso Ivrea, nelle immediate vicinanze del ristorante "Mc Donald's". Da una prima ricostruzione dell'accaduto, la "Fiat Grande Punto" bianca, condotta dalla donna, che procedeva verso Aosta, si è trovata improvvisamente la corsia occupata dalla "Fiat Punto" immatricolata autocarro, una delle due in uso ad una pizzeria aostana, alla quale era alla guida il ventenne, che stava arrivando dalla direzione opposta. L'automobilista, che si è vista la strada tagliata dall'altra auto, non è riuscita ad evitarla ed ha impattato violentemente sulla fiancata, facendo girare completamente l'auto.
La donna è stata subito aiutata ad uscire dall'auto da un automobilista che si è fermato ad aiutarla, e sul posto sono subito intervenuti i Vigili del fuoco, la cui caserma è distante pochi metri dal luogo dell'accaduto, e quindi gli operatori del "118" che hanno assistito le due persone, trasferendole poi al "Pronto Soccorso", oltre a due pattuglie della Questura di Aosta che hanno effettuato i rilievi e gestito il traffico, dato che per oltre due ore la corsia verso Aosta è rimasta occupata dai resti dei due mezzi: il serbatoio della "Punto" autocarro, distrutto nello scontro, ha infatti riversato sull'asfalto numerosi litri di gasolio che i Vigili del fuoco hanno dovuto pulire al buio, con attenzione, la sede stradale.
La 44enne aostana ha riportato la rottura di una mano e lamenta dolori vari al torace: «ma sono felice di essere sopravvissuta - ha raccontato - è stato un bruttissimo incidente, ma miracolato», mentre dalla pizzeria fanno sapere che «il conducente sta bene, per fortuna niente di grave, ma rimane ancora un grande spavento».

La zona è nota per essere spesso teatro di devastanti incidenti stradali dovuti al consapevole mancato rispetto del codice della strada, sia per chi vuole risparmiare pochi secondi per andare a mangiarsi un panino, sia per chi decide di non avere tempo per aspettare i tempi del semaforo distante pochi metri, e si deve recare nella zona direzionale-residenzale di Borgnalle. Infatti numerosi automobilisti attraversano la doppia linea continua in maniera sconsiderata, diventando un pericolo per sé e per gli altri, costringendo, nella migliore delle ipotesi, tutti coloro i quali si trovano sfortunamentamente nei paraggi, ad improvvise ed immotivate frenate e, quando i riflessi non sono pronti, il risultato sono gli incidenti stradali che fino ad ora hanno provocato feriti più o meno gravi e tanto lavoro per i carri attrezzi.

Le soluzioni per ovviare al problema sono diverse, dalla drastica posa di muretti "jersey" in mezzo alla carreggiata o di uno spartitraffico, o ancora di dissuasori che rendano impossibile il passaggio tra una corsia e l'altra, all'installazione di specifici impianti di videosorveglianza che permettano di sanzionare pesantemente chi si azzarda ad effettuare una manovra così stupida e pericolosa.
L'urbanizzazione selvaggia della zona che, negli anni, è diventata un vero e proprio agglomerato commerciale, senza però perdere il suo utilizzo primario di principale punto di accesso alla città di Aosta, non ha previsto un adeguato aggiornamento della viabilità: l'unica struttura realizzata, la "rotonda" in località Grande Charriere, risulta essere al limite del codice della strada dato che, in maniera anomala, pur consentendo l'ingresso con due corsie, è formata da una sola corsia, rendendo così irregolare l'affiancamento di due veicoli, eventualità che invece avviene molto spesso e rischia di creare altri incidenti stradali.

ultimo aggiornamento: 
Lunedì 14 Gennaio '19, h.18.40

timeline