Antonio Fosson alla Presidenza del Consiglio Valle, mentre Nicoletta Spelgatti presenterà una Giunta tutta politica con sei assessori ma nessun "tecnico"

redazione 12vda.it
La riunione tra gli eletti della nuova maggioranza in Consiglio Valle

I nuovi consiglieri saranno regionali proclamati nella prima seduta del Consiglio Valle della 15esima Legislatura, convocata alle ore 9 di martedì 26 giugno: a presiedere provvisoriamente la seduta, come da regolamento, sarà il consigliere più anziano di età, l'ex presidente della Regione, il più votato nell'ultima tornata elettorale, Augusto Rollandin, che lo scorso 13 giugno ha compiuto 69 anni, mentre il ruolo di segretario andrà provvisoriamente, al più giovane, che è la "grillina" Manuela Nasso, che lo scorso 28 aprile ha compiuto 29 anni.
Nella prima adunanza il Consiglio dovrà procedere alla convalida delle elezioni dei consiglieri, con la verifica delle cause di ineleggibilità ed incompatibilità ed il conseguente giuramento. Rollandin dovrà quindi recitare, in piedi, la formula «Giuro di essere fedele alla Costituzione della Repubblica ed allo Statuto speciale per la Valle d'Aosta e di esercitare il mio ufficio al solo scopo del bene inseparabile dello Stato e della Regione autonoma della Valle d'Aosta» e poi invitare gli altri 34 consiglieri regionali a prestare il medesimo giuramento, che dovranno, uno per uno, rispondere «Giuro!».

Antonio Fosson sarà candidato alla Presidenza del Consiglio Valle. Successivamente si dovrà procedere all'elezione del presidente del Consiglio Valle e dei componenti dell'Ufficio di Presidenza, il cui candidato per la maggioranza sarà Antonio Fosson della lista "Area Civica - Stella Alpina - Pour Notre Vallée": per la validità dell'elezione è richiesta la presenza di almeno due terzi dei consiglieri, pari a ventiquattro elementi. Se come era accaduto nel 2013 tutta la minoranza dovesse decidere di uscire, la seduta verrà rinviata di otto giorni, dove sarà sufficiente presentarsi in diciotto. Il presidente viene eletto con votazione a scrutinio segreto, a maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati: se dopo tre votazioni nessun candidato ha ottenuto la maggioranza assoluta, si procede ad una quarta votazione nella quale è eletto il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti ed a parità di voti è eletto il più anziano di età. Nello stesso modo vengono eletti i due vice presidenti e segretari che, per prassi, sono due rappresentanti della maggioranza e due della minoranza. Per tale votazione ciascun consigliere può scrivere sulla propria scheda un solo nome e risulteranno eletti coloro che al primo scrutinio hanno ottenuto il maggior numero di voti.

Sei Assessorati per il nuovo Governo, senza il "tecnico". Dopo l'elezione dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Valle si passa all'elezione del Presidente della Regione e degli assessori: la maggioranza presenterà il candidato alla guida del Governo regionale, che sarà, per la prima volta dopo 69 anni, l'avvocato aostano Nicoletta Spelgatti, capolista e vincitrice della lista della Lega. La Spelgatti illustrerà al Consiglio regionale il programma di governo e proporrà il numero e l'articolazione degli assessorati, oltre ai nominativi dei componenti la Giunta, indicando tra essi il vice presidente. Nell'ultima riunione politica prima del debutto in Consiglio Valle, nel pomeriggio di lunedì 25 giugno, nella sede della Stella Alpina di Aosta, i diciotto eletti che compongono la nuova maggioranza, hanno concordato che gli Assessorati regionali saranno sei, senza l'ipotizzato assessore tecnico al presunto Assessorato allo sviluppo economico.
Il ruolo di vice presidente andrà ad Elso Gerandin, di "Mouv'", che guiderà il nuovo Assessorato all'agricoltura, che si occuperà anche di ambiente e protezione civile, mentre ai compagni di partito della Spelgatti andrano l'Assessorato al bilancio ed industria, gestito da Stefano Aggravi, e quello all'istruzione e cultura, dove ci sarà Paolo Sammaritani. Due Assessorati anche per "Area Civica - Stella Alpina - Pour Notre Vallée", con Claudio Restano che tornerà a gestire il turismo, sport, trasporti, e Stefano Borrello che rientra alle opere pubbliche.

Emily Rini supporta la maggioranza senza voler incarichi apicali. Ritorna al governo, dopo i sei mesi di esperienza tra marzo ed ottobre 2017 anche Chantal Certan di Alpe, che si occuperà di sanità, salute e politiche sociali, mentre non ci saranno posti apicali per Emily Rini, che ha abbandonato l'Union Valdôtaine e supporta la nuova maggioranza: «questa decisione, che antepone l’importanza del progetto in fase di elaborazione ed il valore profondo della mia recente scelta politica alle legittime aspirazioni personali - ha spiegato la Rini - vuole contribuire a dare, se possibile, maggiore slancio ad un’azione che si vuole basare su un reale cambiamento e su una discontinuità con il passato. Ho deciso inoltre di non chiedere alcun posto apicale in una eventuale futura maggioranza per non sminuire in alcun modo il fondamentale significato politico e personale del passaggio che mi ha portata a uscire dal movimento dell’Union Valdôtaine. Perché le scelte si devono basare su decisioni radicate e convinte e non devono essere spinte dal semplice richiamo di una poltrona da occupare, come invece insinuato grossolanamente da qualcuno in questi giorni».  

Dopo l'elezione della nuova Giunta regionale, toccherà alle cinque Commissioni consiliari. Per l'elezione del presidente della Regione, svolta sempre a scrutinio segreto, sarà sufficiente la maggioranza assoluta dei consiglieri, così come quella per la squadra degli assessori, che viene votata tutta insieme, con una scheda in cui i consiglieri regionali dovranno barrare la casella "sì/oui" oppure "no/non". Veranno considerate nulle le schede in cui sono presenti nominativi di persone o altre indicazioni. Successivamente, sempre nella prima riunione del nuovo Consiglio Valle, verranno elette le cinque Commissioni consiliari permanenti ed entro cinque giorni, i nuovi consiglieri regionali dovranno comunicare i relativi gruppi di appartenenza.

Qui la gallery fotografica della riunione dei "diciotto" prima dell'inizio della 15esima Legislatura:

ultimo aggiornamento: 
Lunedì 25 Giugno '18, h.19.25

Commenta..

Scrivi qui sopra il tuo commento alla notizia.

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il commento non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine

Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.