Curiosità ma anche timore per l'uso del tablet tra gli ultra65enni valdostani: in consegna i cento "Galaxy Tab2" del progetto transfrontaliero

redazione 12vda.it
Una degli anziani con il suo tablet

Cento tablet "Samsung Galaxy tab 2", con schermo da dieci pollici, dotati di doppia connessione wi-fi e 3G, saranno consegnati ad altrettanti ultra65enni che hanno partecipato al progetto di cooperazione transfrontaliera tra Italia e Svizzera "Sostegno alle persone anziane e vulnerabili mediante l'adozione di soluzioni innovative".
Il progetto, coordinato dalla Struttura politiche sociali dell'Assessorato regionale della sanità, vuole "valorizzare le persone non più giovani uscite dal mondo lavorativo attraverso l'aggiornamento e il reinserimento in società agevolato dall'apprendimento e dall'utilizzo delle nuove tecnologie informatiche". Oltre ai cento anziani che riceveranno il tablet, l'iniziativa coinvolge anche venti tutor, che hanno terminato la loro formazione, e altri 45 anziani già seguiti dai tutor e che insegneranno ai loro coetanei l'uso dello strumento informatico. Il tablet è stato acquistato tramite il "Consip", la "centrale acquisti" dell'Amministrazione pubblica, al prezzo unitario di 470 euro: equipaggiato con il sistema operativo "Android", sviluppato da "Google", è il principale concorrente dell'Apple "iPad", che nel 2010 ha creato questo nuovo settore informatico: «i cento utenti sono stati equamente individuati su tutto il territorio regionale - spiega Gianni Nuti, direttore delle politiche sociali dell'Assessorato - stabilendo in contingente specifico per ogni Comunità montana. Abbiamo riscontrato molta curiosità per l'oggetto ma anche timore, visto che per alcuni è un mondo sconosciuto. Si sta comunque creando una comunità di persone che vogliono usare il tablet per avere relazioni interpersonale ed in pratica la tecnologia sta aiutando a superare le barriere fisiche. Il giorno della consegna dei tablet sarà l'occasione per dare avvio alla fase più operativa del progetto, attraverso un momento di incontro e di socializzazione tra i vari destinatari. L’obiettivo perseguito non è infatti solo quello di permettere alle persone ultra65enni di familiarizzare con uno strumento di comunicazione virtuale particolarmente duttile e induttivo, ma anche di creare una comunità reale di persone interessate ad ampliare il loro orizzonte di conoscenze e di relazioni interpersonali attraverso momenti conviviali e di scambio».
La consegna dei cento tablet a cui si aggiungono alcuni computer tattili, alla presenza del presidente della Regione, Augusto Rollandin, assessore regionale ad interim alla sanità, salute e politiche sociali, è avvenuta durante un incontro pubblico, venerdì 3 maggio, nel salone di Palazzo regionale, ad Aosta.