Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Il "Forum delle famiglie" e sei Assessorati regionali si confrontano sugli strumenti da affiancare all'Isee

comunicato stampa
Luigi Bertschy, assessore alla sanità, salute e politiche sociali

Lunedì 29 maggio, la Giunta regionale ha approvato la costituzione di un gruppo di lavoro interistituzionale che studi le modalità e i tempi di adozione del fattore famiglia in Valle d'Aosta. Il gruppo è costituito dai rappresentati del "Forum delle famiglie" e dai dirigenti afferenti agli Assessorati regionali della Sanità, salute e politiche sociali, Attività produttive, energia, politiche del lavoro e ambiente, Istruzione e cultura, Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica e Turismo, sport, commercio e trasporti: tutte le aree che si occupano direttamente o indirettamente di azioni e misure che impattano sulla vita delle famiglie valdostane.

Negli ultimi mesi si è intensificato il dibattito a livello nazionale attorno al fattore famiglia quale strumento di calibratura dell'accesso ai servizi ed alle prestazioni, che ponderi con puntualità i differenti carichi di ciascuna famiglia secondo la complessità dei bisogni e le modalità di composizione del nucleo familiare stesso. Anche la Valle d'Aosta, onorando un impegno assunto nella legge finanziaria 2017 - 2019, apre un confronto per studiare l'applicabilità di strumenti da affiancare, senza eluderlo, all'"Indicatore della situazione economica equivalente - Isee" che permettano a famiglie con minori, persone non autosufficienti e con disabilità di essere maggiormente tutelati rispetto ai bisogni di sostegno, assistenza e cura.

La Valle d'Aosta conferma pertanto il proprio impegno nei confronti delle famiglie a maggior rischio di fragilità, con una serie di dispositivi e azioni che la collocano all'avanguardia in Europa: «un tassello al piano di revisione del welfare valdostano - afferma Luigi Bertschy, assessore alla sanità, salute e politiche sociali - che, con un'azione corale di Giunta, il concorso di più colleghi e di numerosi dipartimenti competenti, affronta il tema trasversale della crescita di una comunità attraverso la promozione di politiche familiari forti e coerenti: è la prima di alcune misure forti che ci apprestiamo a varare entro l'anno in corso e alle quali crediamo fermamente».

timeline