Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Sette vini valdostani segnalati nei "Decanter wine world awards": sono prodotti da "Anselmet", "Grosjean" e "Les Crêtes"

redazione 12vda.it
Il 'Fumin' di 'Grosjean'

Sono sette i vini valdostani segnalati nell'edizione 2014 del "Decanter wine world awards", organizzato dalla rivista "Decanter", punto di riferimento della critica enologica internazionale : il premio "gold" è andato alla "Petite Arvine" del 2012 di "Anselmet" con l'azienda che ha riportato anche il "silver" per il "Chambave muscat" del 2012, così come il "Fumin vigne Rovettaz" del 2012 dei "Frères Grosjean".
"Anselmet" ha conquistato anche un "bronze" con la "Petite Arvine" del 2012, così come "Les Crêtes" con il "Fumin" 2010.
Le tre aziende vitivinicole valdostane hanno riportato anche tre menzioni, una ciascuna: "Anselmet" per il "Müller-Thurgau" del 2012, "Grosjean" con la "Petite Arvine vigne Rovettaz" del 2012 e "Les Crêtes" con la "Cuvée Bois Chardonnay" del 2011: «anche la nostra piccola regione tra le montagne riesce ad attirare consensi e attenzioni dalla critica internazionale - commenta Vincent Grosjean - per noi è motivo di grandissima soddisfazione riuscire ad ottenere un risultato del genere, anche tenendo conto del grande lavoro fatto dalla rivista anglosassone, che valuta più di quindicimila vini provenienti da tutto il mondo. Questo premio è un riconoscimento per i nostri sforzi, per la valorizzazione dei vitigni tipici della nostra regione e per la cura che riponiamo in ogni momento del nostro lavoro ma è soprattutto il riconoscimento che anche in Valle d'Aosta si fanno vini di grandissima qualità che meritano di essere conosciuti sia in Italia sia all'estero».

timeline