Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Appello della Diocesi di Aosta e della "Croce Rossa" valdostana per aiutare le popolazioni filippine colpite dal tifone "Haiyan"

redazione 12vda.it
Lo straziante panorama dopo il passaggio del tifone

La diocesi di Aosta ha organizzato per domenica 17 novembre una raccolta di offerte e collette a favore delle popolazioni delle Filippine colpite dal tifone "Haiyan" che ha provocato, sabato 9 novembre, diverse migliaia di morti e danni ingenti alle strutture, la maggior parte provocati nella regione di Visayas, nella zona di Samar e dell'intera provincia di Leyte con il suo capoluogo Tacloban che risulta completamente distrutto: «il Santo Padre Francesco, all'Angelus di domenica, ha pregato - ricorda il vescovo di Aosta, monsignor Franco Lovignana - ed ha invitato le comunità cristiane a farsi vicine ai fratelli e sorelle nel dolore: "Desidero assicurare la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine e di quella regione, che sono state colpite da un tremendo tifone. Purtroppo le vittime sono molte e i danni enormi. Preghiamo per questi nostri fratelli e sorelle, e cerchiamo di far giungere ad essi anche il nostro aiuto concreto". La "Cei" ha già stanziato tre milioni di euro e la "Caritas" italiana a sua volta ha provveduto ad uno stanziamento di centomila euro. Invito le parrocchie, le comunità religiose e tutti i fedeli a compiere un gesto concreto di solidarietà».
Le offerte e le collette si raccolgono nelle parrocchie della diocesi o presso la Curia vescovile di Aosta, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12.
Una richiesta di aiuto arriva anche dalla "Croce Rossa" italiana che si è unita alla onlus "Agenzia italiana per la risposta alle emergenze - Agire", per organizzare una raccolta fondi congiunta: «siamo in costante contatto con la sala operativa nazionale - evidenzia il presidente della "Croce Rossa" valdostana, Gianluca Tripodi - che segue attentamente l'evolversi della situazione. Siamo pronti ad intervenire sulla base di quanto verrà richiesto, sia a livello nazionale che a livello regionale».
E' possibile sostenere il lavoro di assistenza umanitaria delle organizzazioni di "Agire" e della "Croce Rossa" italiana attraverso il numero verde 800.132.870, dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle 19, ma anche on line con carta di credito e "Paypal" sui siti www.agire.it o www.cri.it, in banca con un bonifico bancario su conto corrente IT79 J 03359 01600 100000060696 intestato ad "Agire onlus", presso "BancaProssima" con causale "Emergenza Filippine" ed in posta con il bollettino postale sul conto corrente postale numero 85593614 o bonifico postale all'IBAN IT 79 U 07601 03200 000085593614, intestato ad "Agire onlus", via Aniene 26a, 00198 Roma sempre con causale "Emergenza Filippine".

timeline