Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Dalla Valle d'Aosta gli auguri a Papa Francesco per i suoi 78 anni. Rollandin lo invita ad Introd «quando lo riterrà opportuno»

redazione 12vda.it
Papa Francesco durante il saluto in piazza San Pietro, nella foto di Vittorio Anglesio

Anche il presidente della Regione, Augusto Rollandin, ha voluto porgere, mercoledì 17 dicembre, gli auguri a Papa Francesco per il suo 78esimo compleanno, tramite una lettera con la quale, tra l'altro lo invita in Valle d'Aosta: «voglio rinnovarle l'invito a trascorrere, quando lo riterrà opportuno, alcuni giorni a Les Combes di Introd - ha scritto Rollandin - per scoprire questo piccolo angolo di paradiso, che è ormai diventato il villaggio dei Papi».
A consegnare la lettera del presidente della Regione a Papa Francesco, è stata una delegazione di valdostani di Introd composta da sindaco Vittorio Anglesio, dall'assessore Jacques Buillet, dall'ex primo cittadino Osvaldo Naudin e dal parroco don Ugo Reggiani: «nell'imminenza delle festività natalizie ho l'onore di farle pervenire i più calorosi auguri, miei personali e di tutta la comunità valdostana - ha evidenziato Rollandin nella lettera al Santo Padre - sono certo che la ricorrenza del Santo Natale, anche nel particolare momento di difficoltà che siamo vivendo, porterà, come sempre, fiducia e speranza nel cuore di tutti noi, attraverso la riscoperta dei veri valori spirituali di questa festa, come il senso della famiglia e dell’amicizia e la solidarietà».
Per l'occasione il piazzale davanti a San Pietro si è trasformato in una gigantesca milonga a cielo aperto: subito dopo l'udienza generale, l'ultima dell'anno, mentre il Pontefice stava salutando i fedeli sotto il sagrato della basilica vaticana, a poche centinaia di metri, su piazza Pio XII, in fondo a via della Conciliazione, è partita la musica del tango amato ed anche ballato, da giovane, da Jorge Mario Bergoglio, nell'ambito dell'iniziativa "La più grande milonga del mondo" organizzata dalla romagnola Cristina Camorani, per il compleanno del Papa, che, su "Facebook" ha coinvolto quasi tremila persone.
Alla fine dell'udienza Papa Francesco ha salutato i ballerini, tutti con un foulard bianco al collo, commentando che la piazza sembrava «due per quattro», il nome argentino, mutuato dai passi della danza, usato per indicare il tango.

timeline