Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

In Consiglio Valle un'interpellanza sul divieto di volo in parapendio nell'area del Monte Bianco

comunicato stampa

Nella seduta del 25 luglio 2019, il gruppo Lega Vallée d'Aoste ha posto all'attenzione del Consiglio il tema della durata del divieto di svolgere attività di parapendio sul versante italiano del Monte Bianco. Il Consigliere Nicoletta Spelgatti ha ricordato: «Il divieto di volo in parapendio sul versante italiano del Monte Bianco è stato imposto da ENAC su richiesta del Presidente Antonio Fosson, dopo l'incidente del 26 giugno scorso. A Chamonix, questo divieto esiste da molti anni per il periodo che va dal 1° luglio al 31 agosto: nel resto dell'anno è possibile decollare e volare sulla catena. Nelle altre occasioni in cui il divieto è stato imposto sul versante valdostano, questo si è protratto fino a fine ottobre, compromettendo la possibilità di volo. Solo stabilendo come data di termine di divieto la stessa prevista sul versante francese, e cioè quella del 31 agosto, si evita di vanificare investimenti come quello avvenuto con la costruzione di Skyway, quando la Regione ha investito risorse per realizzare uno spazio per il decollo al Pavillon. Il rapporto tra i voli a Courmayeur e Chamonix rimane di 1 a 200. Ci chiediamo quindi se sia stata prevista una data di termine al divieto, o se vi sia intenzione di chiedere all'ENAC di fissare un divieto nello stesso periodo del versante francese.»
Il Presidente della Regione, Antonio Fosson, ha dichiarato: «La frequentazione della montagna in questi anni ha subito cambiamenti, che al momento non sono normati. Vanno anche tenute conto le ripercussioni delle variazioni climatiche, che comportano ad esempio la possibilità di ascensione in quota da parte dei parapendii. È uno sport estremo che attira centinaia di appassionati, tanto che da alcuni anni viene adottato dalle autorità francesi un decreto che vieta l’atterraggio sulla cima del Monte Bianco dal 1° luglio al 31 agosto. Per quanto di nostra competenza, abbiamo sollecitato all’ENAC l’emissione di un divieto delle attività di parapendio sul nostro versante del Monte Bianco, specificando la richiesta di porre il termine del divieto delle attività al 31 agosto 2019.»
Il Consigliere della Lega VdA Nicoletta Spelgatti ha espresso soddisfazione per la risposta: «Gli sport estremi, che tra l'altro amo moltissimo, sono sempre più in espansione, rappresentano una forma importante di turismo. La Valle d'Aosta è una palestra a cielo aperto, può attirare un turismo giovane e dinamico. Dobbiamo andare assolutamente in questa direzione, peraltro già intrapresa dai francesi.»