Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

In Consiglio Valle un'interrogazione sul passaggio delle competenze dei servizi socio assistenziali dalle Unités all'Azienda Usl

comunicato stampa

Con un'interrogazione a risposta immediata posta nella seduta consiliare di mercoledì 2 ottobre, il gruppo Mouv' ha chiesto approfondimenti sulla riorganizzazione dei servizi socio-assistenziali: «l'assessore Baccega ha annunciato in quinta Commissione un passaggio di competenze dalle Unités des Communes all'Usl da realizzarsi attraverso un testo di legge - ha spiegato il consigliere Roberto Cognetta - ci chiediamo se tale legge di riordino sarà presentata prima del documento che sancirà lo spostamento dei posti della residenza sociosanitaria assistenziale e dell'Unità di assistenza prolungata dal "J.B. Festaz" di Aosta a Variney, e che rappresenta il primo tassello di questa riorganizzazione complessiva dei servizi socio-assistenziali».

L'assessore alla sanità e politiche sociali, Mauro Baccega, ha risposto che «lo spostamento di questi servizi dal "J.B. Festaz" alla struttura per anziani di Variney è prossimo e si concretizzerà attraverso un accordo tra le parti e la firma di una convenzione. L'accordo è il frutto di un lungo percorso che ha coinvolto l'Unité des Communes Grand Combin, l'Assessorato, l'Azienda Usl, il management del "J.B. Festaz" ed i sindacati. Invece, il percorso legislativo per il riordino della gestione delle strutture per anziani, come ho avuto modo di dire in quinta Commissione, richiede probabilmente più tempo e condivisione, ma soprattutto deve essere accompagnato da una attenta analisi di carattere economico, guardando al lavoro e alle famiglie. Si tratta quindi di due percorsi paralleli, che vanno nella stessa direzione: al momento è vicina la convenzione per Variney e non sarebbe serio interromperla, per nessuna ragione; per quanto riguarda la legge di riordino, credo che non sarebbe altrettanto serio fare una legge in fretta e furia. Forse è meglio aspettare un mese in più e predisporre una legge ampiamente condivisa, che sia il frutto di un buon lavoro in Commissione e che dia risposte concrete alla collettività. Credo di poter rispettare la tempistica indicata in Commissione: entro fine anno presenteremo il testo di legge».

Roberto Cognetta, nella replica, ha osservato: «per noi, e parlo a nome dei lavoratori di questo settore, va bene che si arrivi per fine anno ad esaminare il testo di legge di riordino. A questo punto sollecito una integrazione al "Documento di economia e finanza regionale - Defr" al fine di esplicitare l'obiettivo politico, prevedendo inoltre gli emendamenti e le risorse susseguenti nel bilancio per il 2020».