Un ladro si dimentica di togliere un sensore antitaccheggio e viene scoperto: arrestato dai Carabinieri, aveva rubato 500 euro di capi d'abbigliamento

redazione 12vda
I Carabinieri durante un controllo fuori da un supermercato

Rachid Driouche, 41enne di origine marocchina senza fissa dimora, pregiudicato per reati contro il patrimonio, è stato arrestato dai Carabinieri nella serata di lunedì 2 maggio, sorpreso in flagranza dentro un supermercato ad Aosta, mentre stava cercando di rubare vestiti ed accessori vari per un valore complessivo di cinquecento euro.
«L'uomo, dopo aver fatto razzia tra gli scaffali - spiegano i Militari dell'Arma - aveva simulando di essere impegnato in una conversazione telefonica ed aveva cercato di passare le barriere delle casse. Immediatamente è entrato in funzione il sistema "antitaccheggio" perché aveva dimenticato di togliere un sensore. Vistosi scoperto, ha abbandonato la refurtiva ed ha cercato di fuggire, ma la guardia giurata, accorsa sul posto, è riuscito a bloccarlo fuori dal centro commerciale insieme ai Carabinieri della stazione di Saint-Pierre, i quali, allertati tramite il "112" sono arrivati in pochi minuti perché transitavano in una via proprio lì vicino».

Driouche è stato quindi perquisito ed è stato trovato in possesso di un paio di pinze che erano state utilizzate per eliminare i dispositivi antitaccheggio degli indumenti: dopo le formalità di rito è stato trasferito in una cella di sicurezza della caserma "Alessi" di Aosta, in attesa dell'udienza di convalida in Tribunale, mentre la refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari.

Una settimana prima, sempre ad Aosta, un 25enne rumeno, residente fuori Valle, era stato denunciato per furto aggravato dagli agenti della "Squadra Volante" della Polizia: aveva tentato di rubare una camicia, dopo aver staccato la placchetta anti taccheggio per uscire così indisturbato da una supermercato del centro.
Oltre alla denuncia, il ladro rischia l'espulsione ed una specifica misura di prevenzione.