Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Cinquanta grammi di cocaina trovati nelle mutande di un trentenne dominicano. Condannato ad otto mesi di carcere, è tornato in libertà

redazione 12vda.it
La cocaina trovata indosso al trentenne dominicano

Julio Cesar Veras Barrera, trent'anni il prossimo 13 aprile, di origine dominicana, residente nel capoluogo regionale, ha patteggiato, nella mattinata di martedì 11 aprile, nel processo "per direttissima" davanti al Giudice Marco Tornatore, una condanna ad otto mesi carcere, con la sospensione della pena, ed il pagamento di una multa di ottocento euro per l'accusa di detenzione di cocaina ai fini di spaccio dopo che, nella giornata precedente, era stato costretto agli arresti domiciliari dagli agenti della Guardia di Finanza di Aosta, al rientro da un viaggio a Milano.

«Da giorni, con mirati servizi di appostamento, erano stati monitorati i suoi spostamenti - evidenziano, in una nota, i finanzieri aostani - quando nel fine settimana è stato visto partire con l'autobus che conduce a Milano, è scattata la rete pronta ad accoglierlo al suo rientro. Così, nel primo pomeriggio di lunedi 10 aprile, appena sceso dalla corriera di rientro dal capoluogo lombardo, lo abbiamo intercettato chiedendogli notizie circa i suoi spostamenti. Le risposte poco chiare e lo stato di evidente agitazione hanno indotto i finanzieri ad approfondire il controllo. Dal portafogli è quindi saltata fuori una "pallina" di cocaina, come viene chiamata in gergo, un piccolo involucro di cellophane contenente una dose di "polvere bianca"».

«Era la classica "trappola" per i finanzieri un ritrovamento semplice ed immediato per evitare ulteriori controlli - aggiugono gli agenti della Guardia di Finanza - ma le successive spiegazioni e rassicurazioni del fermato sono state poco convincenti ed è stata decisa la perquisizione personale, eseguita poco dopo presso la caserma "Luboz" di Aosta. Negando fino all'ultimo di non essere in possesso di altra droga, nella biancheria intima è stato rinvenuto un ulteriore involucro, questa volta di dimensioni ben maggiori, con oltre cinquanta grammi di cocaina, difficilmente giustificabile come semplice consumo personale».

ultimo aggiornamento: 
Martedì 11 Aprile '17, h.15.50