Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Condannate a tre anni e quattro mesi di "domiciliari" nel loro campo nomadi le due ladre che hanno rubato in un appartamento in via De Tillier ad Aosta

redazione 12vda.it

Sara Nicolic e Rosa Mascolo, due ventenni residenti in un campo nomadi a Torino, sono state condannate, nella mattinata di giovedì 3 agosto, dal giudice monocratico del Tribunale di Aosta, Maurizio D'Abrusco, ad una pena di tre anni e quattro mesi di reclusione e ad una sanzione di mille euro ciascuna dopo essere state arrestate, la sera precedente, dagli agenti della "Squadra volante" della Questura del capoluogo regionale, con l'accusa di furto aggravato.

"La registrazione del sistema di videosorveglianza di un vicino negozio - spiegano i poliziotti, in una nota - ha permesso di avere una descrizione precisa delle due autrici del furto, che sono state fermate pochi minuti dopo in una via cittadina. Le due giovani sono state trovate in possesso di due grossi cacciaviti con i quali poco prima avevano scardinato la porta di ingresso dell'abitazione e sono state accompagnate in Questura dove la vittima del furto ha riconosciuto indosso alle due dei gioielli che le erano appena stati rubati nell'abitazione. I controlli sulle impronte digitali e nella banca dati hanno evidenziato come le due abbiano numerosi "alias" e svariati precedenti per reati contro il patrimonio e possesso di strumenti atti allo scasso".

Le due ladre, nonostante i precedenti, non andranno comunque in carcere, in quanto una ha dichiarato di essere al nono mese di gravidanza mentre l'altra ha evidenziato di avere a carico una figlia piccola e quindi sono stati concessi loro gli arresti domiciliari nel campo nomadi.

ultimo aggiornamento: 
Giovedì 3 Agosto '17, h.16.10

timeline