Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Giancarlo Muzzolon, gli allievi di Franco Grobberio, Lydia Brunod e Marco Tarea espongono a novembre alla "Galleria San Grato" di Aosta

Claudia Camedda
Giancarlo Muzzolon tra le sue opere in mostra

Con la mostra "Pittura per la serenità" di Giancarlo Muzzolon si è aperto il mese di novembre alla "Galleria San Grato", in via De Tiller ad Aosta: il pittore aostano, iscritto alla "Associazione artisti valdostani", presenta, fino a venerdì 6 novembre (dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 16 alle 19) la sua prima personale. Muzzolon, pittore figurativo, che nel 1974 ha conseguito una laurea di orientamento umanistico all'università degli studi di Torino, e in seguito il diploma di strumentazione presso il Conservatorio "Giuseppe Verdi", sempre nel capoluogo piemontese, espone venticinque quadri realizzati ad olio e qualche acquarello. Giancarlo Muzzolon, che ha ottenuto diversi riconoscimenti in Valle d'Aosta, Piemonte e Lombardia, dipinge diversi aspetti della realtà circostante, puntualizzando i particolari dai quali si sente ispirato. Per la sua pittura lui sceglie angoli, scorci, portoni, vecchie serrande, finestre e facciate di case antiche che il passare del tempo ha impreziosito di colori e particolari, trasformando tutto in un'esposizione unica e speciale. Dell'autore sono suggestivi gli squarci di Venezia o della laguna, così come i paesaggi di Burano, Chioggia e l'isola di Pellestrina, ed ancora piccoli centri montani della Valle d'Aosta. Maestosa è l'opera del Palazzo Ducale di Venezia, dalla vena romantica è la rappresentazione dell'antica serratura nel castello di Gressan, sublime è il dipinto sul castello di Entrèves all'inizio della primavera. Il quadro dal titolo "Sul ponte di Bassano ci daremo la mano" risulta unico nel suo messaggio morale. Di ispirazione nostalgica è il lavoro "Costeggiando l'isola di Pellestrina" così come "Prato fiorito con vista sul monte Bianco" esalta la bellezza del paesaggio montano naturale valdostano, ed infine di genere realistico è l'opera "Baita in frazione Glassier".

Da sabato 7 a venerdi 13 novembre ad esporre saranno gli allievi della scuola di Franco Grobberio, di Nus, che porteranno venti acquarelli: infatti, dal 2000, Grobberio tiene corsi di acquarello, dai quali sono emersi dei talento. I partecipanti dell'ultima edizione sono Rupf Piperno, Tiziana Vallet, Lilia Balla, Federica Breuvé, Eleonora Brunod e Pietro Fioravanti che esporanno paesaggi, figure e "luoghi dell'anima" come ama definirli Grobberio: l'esposizione sarà visitabile dalle ore 16 alle 19.30.

Da sabato 14 novembre sarà Lydia Brunod a presentare la sua personale dal titolo "Mes petites bêtes" con venti dipinti a olio su tela di jeans riciclata e su legno tarlato. I soggetti dei lavori dell'artista sono gli animali come cani, gatti, asini, mucche ed i fiori. Recentemente Lydia Brunod è stata premiata, ad Aosta, dalla "Universum Academy" per l'originalità, grazie ad un'opera di un quadro che raffigura un toro che indossa un piumino blu. L'esposizione sarà aperta tutti i giorni, fino a venerdì 20 novembre, dalle ore 10 alle 18.

Da sabato 21 al venerdì 27 novembre esporrà quindi Marco Tarea, con la sua mostra intitolata "Si selfie chi può": l'artista presenterà venti quadri acrilici dai soggetti classici di stile valdostano, come figure, tatà o gufi reinterpretati con colori vivi e surreali. Marco Tarea ama dipingere anche paesaggi molto stilizzati con montagne naïf e sta evolvendo nel suo stile, adottando un genere di pittura comunemente definita "materica", ottenuta fissando un gessetto acrilico sulla tela o legno, che giunto poi ad essiccazione risulta ruvido con tante scanalature. Il genere artistico dell'autore è innovativo, presentando un'espressività pittorica che rompe i comuni schemi dell'arte tradizionale valdostana: la mostra sarà visitabile dalle ore 10 alle 12, e dalle ore 15 alle 19.

Tutte le esposizioni sono organizzate dalla "Associazione artisti valdostani", presieduta da Marcella Curcio, con il patrocinio del Comune di Aosta.