Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Roberto Albertaro conclude il mese di giugno della "Galleria San Grato", dove sono passate le opere di Barbara Jaccod, Mirko De Santis e Francesco Pesa

Claudia Camedda
Alcune opere di Roberto Albertaro

Si conclude con l'esposizione di Roberto Albertaro, da sabato 20 a venerdì 26 giugno, il primo mese estivo delle "personali" organizzate alla "Galleria San Grato", in via del Tillier, nel centro storico di Aosta: l'autore presenterà venticinque quadri ad olio, paesaggi e qualche acrilico di genere espressionista.
Il titolo della mostra è "Ritorno alla natura": infatti i dipinti raffigurano paesaggi del vercellese e della Valle d'Aosta, interni di rustici e di baite e figure di contadini. Le opere sono caratterizzate dalla cromaticità delle tinte forti, dove luci e colori si mescolano sapientemente.
L'esposizione sarà visitabile tutti i giorni, dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 15.30 alle 19.

Il mese di giugno 2015, il primo che ha visto alla Presidenza dell'associazione Marcella Curcio, dopo le dimissioni presentate da Antonio Vizzi, era iniziato, il 30 maggio con il debutto di Barbara Jaccod: la pittrice, che è stata allieva del maestro Gabriele Girardi, nel corso degli anni è passata dalla realizzazione di olii naturalistici ad opere di tendenza fiabesca con giochi di luce chiaroscuri. I dipinti che ha esposto variavano da nature morte dalle tinte forti a paesaggi con rustici e cascinali della tradizione valdostana.

La settimana successiva è stata la volta di Mirko De Santis: originario di Aosta, ha iniziato a disegnare già in età infantile, copiando i personaggi dei fumetti degli anni '70, ha poi seguito le lezioni del maestro Piero Pierini, pittore paesaggista di notevole talento. De Santis dalla fine degli anni '90 si è dedicato anche alla scultura utilizzando il legno e diversi altri materiali. Alla "Galleria San Grato" ha esposto dipinti di paesaggi a olio, alcuni del centro urbano di Aosta, e opere scultoree in legno di figure umane.

E' quindi toccato a Francesco Pesa, con la sua la retrospettiva: l'artista, uno dei soci fondatori dell'Associazione, di cui ha anche ricoperto la carica di membro del Direttivo, ha partecipato a numerose esposizioni in Valle d'Aosta, Liguria e Piemonte. In occasione dell'evento sono stati proposti dipinti ad olio raffiguranti paesaggi d'epoca di fine ottocento in cui l'autore ha usato con grande maestria la vivacità dei colori mediterranei delle coste marine dove scogliere assolate sovrastano le trasparenti acque del mare.
La rassegna di esposizioni è organizzata dalla "Associazione artisti valdostani", con il patrocinio del Comune di Aosta.