Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Luca Ward, Vittoria Belvedere, Malika Ayane, Marco Paolini, Carmen Consoli, Nancy Brilli, Daniele Silvestri e Francesco Guccini alla 31esima "Saison"

Angelo Musumarra
Il numero di ottobre di 'Vanity Fair' ed il nuovo catalogo della 'Saison'

E' il numero speciale che ha celebrato il decimo anniversario dell'edizione italiana di "Vanity Fair", il popolare magazine di attualità, moda, cultura e società edito dalla "Condé Nast", pubblicato nell'ottobre 2013, ad aver "ispirato" il catalogo della 31esima edizione della "Saison culturelle", che debutta mercoledì 18 novembre con lo spettacolo "3 donne in cerca di guai", che vedrà sul palco del teatro ex "Splendor" di Aosta, Corinne Cléry, Barbara Bouchet ed Iva Zanicchi.
Oltre alla scelta della copertina specchiata, già utilizzata nel 2006 anche dal periodico americano "Time", che decise, quell'anno, di indicare "l'internauta" come "Persona dell'anno", mettendo uno specchio all'interno di un monitor, la rivista diretta da Luca Dini, (che l'ha ripetuta, in versione dorata, per il primo numero del 2014) ripercorrendo i dieci anni di attività, aveva scritto: "E chi ci poteva stare, in copertina, se non la vera star di questa splendida avventura? Sì, proprio la persona che si specchia qui sopra: tu", dedicandola ai quasi 45mila lettori settimanali.

La proposta vincitrice del concorso per il progetto grafico della "Saison", quella dello "Studio grafico Thomas Linty" di Aosta, prima classificata tra le quattordici che hanno partecipato alla selezione, nella segretissima graduatoria decisa dalla giuria presieduta dal dirigente delle attività culturali dell'Assessorato, Elmo Domaine, e composta dalla dipendente regionale Isabelle Godecharles e dai grafici Christine Valeton, Maurizio Casale ed Arnaldo Tranti, presenta infatti un'analoga copertina specchiata, con il claim "La Saison culturelle sei tu", citando, all'interno, lo scrittore e giornalista polacco Ryszard Kapuscinski con la frase "Le culture sono specchi nei quali ci riflettiamo e nei quali riusciamo a vederci realmente come siamo".
Linty, che aveva già vinto il concorso, come "Metro studio" per la "Saison culturelle 2013-2014" e che ha recentemente curato la campagna elettorale e pubblicitaria della coalizione che ha portato all'elezione di Fulvio Centoz a sindaco di Aosta, incasserà 9.943 euro, quasi cinquemila euro in meno rispetto al concorso della scorsa edizione.
In totale, la "Saison culturelle 2015-2016" presenta un investimento totale di 780mila euro, di cui 190mila euro che arrivano dalla sponsorizzazione della "Fondazione Crt": complessivamente l'impegno economico più rilevante è quello per i cachet degli artisti per 450mila euro, seguito dai 57mila euro pagati al "Cinéma de la Ville" per l'affitto della sala per le proiezioni della rassegna "Il giro del mondo in 50 film", e dai servizi di fornitura degli impianti per il suono e le luci, per 48mila euro. I diritti d'autore faranno incassare 35mila euro alla "Siae", mentre il noleggio ed il trasporto dei film costerà 30mila euro e per le spese per il soggiorno di artisti, per le conferenze stampa ed imprevisti sono stati previsti 20mila e 450 euro.

Tra gli spettacoli della rassegna (ventidue concerti di musica classica, pop, popolare e world music, tredici pièce teatrali, sei appuntamenti di danza e sei conferenze), quello più caro è il musical "Tutti insieme appassionatamente" con Luca Ward e Vittoria Belvedere, in programma venerdì 12 e sabato 13 febbraio, che viene pagato alla "PeepArrow entertainment" 27mila e 500 euro, a cui segue il concerto di Malika Ayane, unico evento in programma al "Palais Saint-Vincent" venerdì 15 aprile (alla sua terza esibizione in Valle d'Aosta, dopo quella del luglio 2012 per "Musicastelle Outdoor" e proprio alla "Saison" nel maggio 2013), che costa, per il tramite della società "Opere Buffe" di Aosta, 25mila euro. La doppia serata teatrale con Marco Paolini in "Ballata di uomini e cani", in cartellone martedì 26 e mercoledì 27 gennaio, presenta un cachet di 23mila euro per la produzione di "Michela Signori - Jolefilm", mentre il concerto di sabato 6 febbraio di Carmen Consoli, anche lei alla sua seconda presenza alla "Saison", dopo quello del febbraio 2010 al "Palais Saint-Vincent", costa 22mila e 500 euro, pagati all'associazione "Pourparler" di Aosta, e lo spettacolo teatrale "Bisbetica" con Nancy Brilli, in programma martedì 19 e mercoledì 20 gennaio, ha un costo di 22mila euro per la società "La Pirandelliana" di Roma.

Per quanto riguarda gli altri spettacoli, i sedici componenti dei "Les Tambours du Bronx", che si esibiranno giovedì 3 marzo, costano, per il tramite dell'agenzia "3 bite" di Aosta, 16mila e 500 euro, che porta ad Aosta anche il cantautore romano Daniele Silvestri, venerdì 11 marzo, al prezzo di 16mila euro. Costa 15mila e 50 euro il musical francese "Le cabaret extraordinaire", in programma sabato 12 dicembre, prodotto dalla compagnia "Avril en Septembre" di Parigi, mentre si scende a 14mila e 500 euro per i ballerini della "Pockemon Crew", in cartellone martedì 10 maggio e venduti dall'agenzia "International Music and Arts" di Carpi ed a 14mila euro per l'"Orchestra Antonio Vivaldi" diretta da Lorenzo Passerini, formata da 38 elementi, che si esibirà lunedì 7 marzo.

Carmen Consoli anticiperà il suo arrivo in Valle giovedì 28 gennaio per partecipare all'incontro "La cantantessa e lo scrittore" con Francesco Guccini, organizzato sempre dall'associazione "Pourparler" per 12mila e 750 euro in collaborazione con il "Club Tenco", con la partecipazione dei cantautori valdostani Naif Hérin ed Alberto Visconti.
Lo spettacolo teatrale in francese "Le Mari, la Femme et l'Amant" di Sacha Guitry, in programma giovedì 21 aprile, prodotto dal "Théâtre de l'Ouest Parisien" di Boulogne-Billancourt costa 12mila e 200 euro, mentre il cabarettista Paolo Cevoli, portato ad Aosta dalla "3 bite", che salirà sul palco dell'ex "Splendor" mercoledì 17 febbraio, richiede 11mila e 500 euro.

Lo spettacolo teatrale "Il prezzo" di Arthur Miller, con Umberto Orsini e Massimo Poli, in cartellone martedì 8 dicembre, e prodotto dalla stessa "Compagnia Umberto Orsini" di Roma costa 10mila e 500 euro, mentre il gruppo di danza moderna "Aeros", che dopo dieci anni torna alla "Saison", martedì 1° marzo, insieme agli atleti della Federazione di ginnastica rumena, presenta un cachet di diecimila euro per la agenzia "World entertainment company" di Bologna. Sotto i diecimila euro resta l'ultimo spettacolo teatrale in programma, previsto per lunedì 2 maggio, "Una piccola impresa meridionale" con Rocco Papaleo, pagato 9.500 euro al "Nuovo Teatro" di Napoli ed alla "Utim" di Milano.

Per quanto riguarda i valdostani presenti alla "Saison", 13mila euro andranno alla "Orchestre d'Harmonie du Val d'Aoste", diretta da Lino Blanchod, per il tradizionale "Concert du nouvel an", martedì 5 gennaio all'auditorium di Pont-Saint-Martin, mentre 12mila euro costano i "Tamtando" che si esibiranno con Bil Aka Kora domenica 12 giugno. L'omaggio a Frank Sinatra da parte di Patrick Mittiga, in programma sabato 16 gennaio prevede un cachet di 9.500 euro per la "PM promotion" di Pollein, mentre il primo spettacolo musicale, che si tiene venerdì 20 novembre, il concerto celebrativo della cantautrice valdostana Magui Betémps, intitolato "L'oiseau chante encore", con la partecipazione di dodici artisti valdostani, organizzato dalla "3 Bite", costa 9.300 euro.
E' invece di 7.300 euro la cifra necessaria per il concerto della band "Crohm", previsto per venerdì 17 giugno, aggiunto al programma, mentre costa 6.500 euro l'esibizione, venerdì 6 maggio, della "Orchestre du Conservatoire de la Vallée d'Aoste" diretta da Stéphanie Praduroux con la voce solista di Anna Pirozzi, ormai divenuta una vera e propria star dell'opera. Si scende a 5.280 euro per il concerto del cantautore Davide Mancini, venerdì 3 giugno, organizzato da "Musica & Muse", mentre è di 4.700 euro il cachet richiesto per lo spettacolo teatrale "Shakespeare / I Maledetti", in programma prodotto dal "Teatro del Mondo" di Valeriano Gialli e Paola Corti con "Lunaria Teatro" . E' di tremila euro contributo concesso alla "Associazione regionale Cori Valle d'Aosta" per il "Concerto di Natale", in programma lunedì 21 dicembre, mentre Stefano Frison martedì 7 giugno, con un cachet di duemila euro, proporrà il suo nuovo album "Leggermente frizzante" ed infine, il "Coro Verrès" ed il "Coro Sant'Orso", sabato 20 febbraio, presenteranno "I canti della Grande Guerra" per mille euro.

Per la 47esima edizione dello "Charaban", in programma dal 23 al 28 novembre al teatro "Giacosa" di Aosta, si spenderanno 11mila e 590 euro, mentre per il "Printemps théâtral", dal 12 al 21 maggio, è prevista una spesa di cinquemila euro. Altre spese riguardano i servizi di supporto organizzativo, come la scrittura testi, la verifica delle schede tecniche e l'assistenza artisti per 40mila euro totali, la stampa del materiale tipografico per 20mila euro, il servizio di trasporto pubblico per 15mila euro, la pubblicità per 8.983 euro (con gli stanziamenti per le testate on line che, per la prima volta, superano quelli per le testate cartacee), il trasporto e l'accordatura dei pianoforti per ottomila euro, le affissioni nei Comuni per settemila euro, la gestione dei biglietti e degli abbonamenti per quattromila euro ed il servizio fotografico per tremila euro.