Dal 25 novembre al 7 gennaio torna il "Marché vert Noël" all'ombra del Teatro romano di Aosta, con una balconata per foto e "selfie"

Elena Meynet
Le autorità durante la presentazione dell'edizione 2017 del 'Marché vert Noël'

«I mercatini di Natale accanto al Teatro romano di Aosta, il "Marché vert Noël", è secondo evento dopo la "Fiera di Sant'Orso"», sottolinea la vicesindaca di Aosta, Antonella Marcoz. «Un'iniziativa importante», aggiunge il presidente della "Chambre valdôtaine" Nicola Rosset. «Una tradizione non nostra ma che abbiamo saputo ben interpretare», secondo l'assessore regionale al turismo Aurelio Marguerettaz. «Un legame con la cultura, ma anche un volano per l'economia», ribadisce l'assessore regionale alla cultura Emily Rini.
I mercatini di Natale aprono, per le festività di fine 2017, il 25 novembre e resteranno aperti fino al 7 gennaio 2018, con quarantacinque stand, cinque in meno rispetto al 2016, per ragioni di sicurezza: «in questi anni abbiamo visto diversi allestimenti molto apprezzati - spiega l'assessore regionale all'agricoltura Alessandro Nogara - quest'anno abbiamo scelto di allestire una balconata davanti al Teatro, per favorire la realizzazione di fotografie suggestive da parte dei visitatori. Tengo a sottolineare che le piante lì utilizzate erano comunque destinate al taglio ed al termine della manifestazione diventeranno cippato che verrà utilizzato nel vivaio regionale».

Un coordinamento fra i diversi enti che contribuiscono all'allestimento permetterà di offrire una scelta di eventi di diverso genere, veicolati attraverso i mezzi di comunicazione e i social, ma anche attraverso il giornalino dell'Office du Tourisme "Vivere la Valle"«quando non sapevamo ancora che il Traforo del Gran San Bernardo sarebbe stato chiuso - aggiunge il presidente della Regione. Laurent Viérin - avevamo già iniziato con Rosset una serie di strategie di marketing su Ginevra, ora anche i vallesani potranno raggiungere questo mercatino che li incuriosisce attraverso il Tunnel del Monte Bianco. Ereditiamo qualcosa che dobbiamo valorizzare, con il nostro "Marché vert Noël", che deve essere soprattutto suggestivo.Già pensandoci, mesi fa, avevamo deciso di non allargare il Marché, ma di lasciarlo nella sua collocazione, creando sinergie con diversi eventi sul territorio, in una iniziativa che abbiamo chiamato "Agenda unica". A breve, vi presenteremo il Natale e il Capodanno valdostani, stiamo correndo per una programmazione differenziata ma unica su tutta la Valle d'Aosta».

Ultimo aggiornamento: 
Venerdì 17 Novembre '17, h.16.55

Commenta..

Scrivi qui sopra il tuo commento alla notizia.

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il commento non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine

Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.