Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Lenta ripresa anche in Valle d'Aosta. "Bankitalia" promuove il mercato immobiliare ed i servizi ma non il settore delle costruzioni

Elena Meynet
Angelica Pagliarulo e Roberto Cullino durante la presentazione

L'andamento nazionale è in lieve ripresa, ma "Bankitalia" legge in Valle d'Aosta miglioramenti più lenti: bene i servizi, mentre cala ancora l'occupazione nell'edilizia e nel lavoro autonomo. Angelica Pagliarulo, direttore della sede aostana della "Banca d'Italia"  nella mattinata di martedì 21 novembre ha presentato i dati del "Rapporto congiunturale sull'economia regionale", leggendo anche i dati "Istat", confrontandoli con i riscontri regionali di "Confindustria Valle d'Aosta" e con le valutazioni sulla piccola realtà locale: «i dati di qualche giorno fa ci danno un consolidamento della crescita a livello nazionale - ha spiegato Roberto Cullino, titolare della divisione analisi e ricerca economica territoriale della filiale di Torino - si è stabilizzato il mercato dell'edilizia, anche se non è ancora ai livelli dei servizi e dell'industria. Si registra un lieve calo dell'occupazione, anche se il quadro generale della disoccupazione è invariato. Sul versante del credito, continua la ripresa dei finanziamenti ma per le famiglie e non per le imprese».

Cresce il mercato delle autovetture, aumentano nel settore turistico i soggiorni sia nella stagione invernale che in quella estiva, con una permanenza media di circa tre giorni, stabile rispetto al 2016. L'occupazione ancora calata, secondo "Istat", come nel biennio precedente: «Siamo un po' in controtendenza rispetto alla ripresa nazionale, se guardiamo per macro-aree - ha continuato Cullino - e leggiamo ancora un prevalere del credito alle famiglie rispetto alle imprese. Si va sempre più verso mutui a tasso fisso, più rassicuranti. Invece per le imprese abbiamo un miglioramento della redditività e buone condizioni di liquidità, rispetto agli anni passati, ma la domanda di credito delle imprese resta debole, a fronte di condizioni di offerta stabili. Restano le differenziazioni fra i settori, con un aumento dei prestiti alle imprese nel terziario e un calo nella manifattura e nelle costruzioni».

Nonostante i bassi tassi di interesse, le famiglie preferiscono ancora depositare i risparmi sui conti correnti e scelgono il risparmio gestito piuttosto che i titoli. Il mercato del lavoro vede nel primo semestre del 2017 un -0,6 per cento rispetto all'anno precedente, in controtendenza rispetto all'1,1 della media italiana e all'uno per cento del Nord Ovest: "Il calo è riconducibile all'ulteriore flessione nel settore delle costruzioni - si legge nel rapporto congiuntuale valdostano di "Bankitalia" - nel quale non sono ancora emersi segnali di recupero della congiuntura. D'altro lato, nella media del semestre è tornata a crescere l'occupazione nell'industria in senso stretto e si è consolidata la tendenza positiva del settore degli alberghi e ristoranti. La flessione degli occupati è stata circoscritta alla componenete maschile, con un -1,4 per cento, mentre vi è stata una lieve crescita del numero delle lavoratrici, con uno 0,3 per cento. L'occupazione si è ridotta tra i lavoratori autonomi, -2,7 per cento. Alla riduzione del numero degli occupati si è associata quella del tasso di occupazione, scelo al 66,3 per cento".

Il rapporto congiunturale sull'economia di Bankitalia:

 

 

ultimo aggiornamento: 
Martedì 21 Novembre '17, h.12.15