Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Crolla un muro sulla ss26 tra Sarre e Saint-Pierre, ma fortunatamente non coinvolge veicoli: traffico deviato tra Aymavilles e Villeneuve

redazione 12vda.it
Il muro caduto sulla ss26 tra Sarre e Saint-Pierre

E' stato riaperto al traffico alle ore 21 di martedì 23 gennaio il tratto di strada statale 26 tra Sarre e Saint-Pierre, al chilometro 108,600, "in provincia di Aosta", come indicato da "Anas" in una nota. La strada era stata bloccata alle ore 10.30, quando un pezzo del muro dopo il paramassi era improvvisamente crollato sulla carreggiata senza, fortunatamente, coinvolgere nessun veicolo.

Il tratto stradale è percorribile a senso unico alternato regolamentato da semafori con il limite di velocità a trenta chilometri orari e divieto di sorpasso per tutti gli autoveicoli: gli operai di "Anas" hanno provveduto alla rimozione dei detriti dalla sede stradale ed hanno eseguito i primi interventi di messa in sicurezza. Durante la chiusura della strada il traffico leggere è stato deviato sulla strada comunale di Chavonne, tra i Comuni di Aymavilles e Villeneuve, mentre quello pesante ha dovuto, obbligatoriamente, utilizzare l'autostrada.
Nei prossimi giorni si cercheranno di capire le motivazioni del crollo e quindi si procederà al ripristino definitivo dell'opera.

La strada statale 26 è interrotta, da domenica 14 gennaio, anche a Montjovet, nel tratto compreso tra i chilometri 66,900 e 67,300, a causa del rischio residuo di caduta massi: il traffico è stato deviato sulla strada comunale per Champepraz con il rientro sulla statale in corrispondenza del km 68,300. Dopo il sopralluogo dei tecnici "Anas" e dei geologi dell'Amministrazione regionale, sono stati affidati, con procedura di somma urgenza, i lavori di disgaggio e bonifica della parete rocciosa prospicente il tratto di strada chiusa.
La riapertura al traffico del tratto chiuso, con senso unico alternato regolato da impianto semaforico, avverrà nella giornata di giovedì 25 gennaio, mentre per il ripristino definitivo della viabilità saranno necessarie ulteriori opere di consolidamento della parte, i cui tempi non sono prevedibili.



Qui la gallery fotografica del muro caduto tra Sarre e Saint-Pierre sulla strada statale 26:

 

ultimo aggiornamento: 
Martedì 23 Gennaio '18, h.18.40

timeline