Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Pre-apertura per la nuova "Funivia del Monte Bianco": aspettando Matteo Renzi, fino al 20 giugno si potrà salire (e scendere) con 40 euro

redazione 12vda
La nuova 'Funivia del Monte Bianco' a Courmayeur

"Apre domani alle ore 8.30 - 16.00": è questa, sulla pagina "Facebook" delle "Funivie Monte Bianco", l'unica indicazione che annuncia ufficialmente, per sabato 30 maggio, la pre-apertura del nuovo impianto funiviario, chiamato "Sky way Monte Bianco", dopo quattro anni di lavori e 105 milioni di euro di finanziamenti pubblici.
Sul sito Internet ufficiale non ci sono altre informazioni se non un "pop-up" che indica solo "Le Funivie Monte Bianco riapriranno sabato 30 maggio": i dettagli erano stati pubblicati su uno specifico post, pubblicato nella mattinata di venerdì 29 sul social network, poi cancellato da parte della società, presieduta da Yvette Clavel ed amministrata da Roberto Francesconi, con la mancanza assoluta di qualunque riferimento autorizzato per la comunicazione.

Il problema sembrerebbe legato alle complesse trattative per avere a Courmayeur il presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, per l'inaugurazione ufficiale, che dovrebbe tenersi tra lunedì 22 a venerdì 26 giugno, anche se non è stata fissata alcuna data definitiva: attualmente lo staff del premier non ha ancora confermato la sua presenza, che lo riporterebbe in Valle d'Aosta per la terza volta in sei mesi, dopo le passate vacanze di Capodanno e la partecipazione, lo scorso 8 maggio, alla campagna elettorale di Fulvio Centoz, un record se si considera che per decenni, mai nessun presidente del Consiglio dei Ministri si è degnato di visitare, anche in maniera privata, la nostra regione.

Un'eventuale apertura ufficiale dell'impianto funiviario, per il quale lo Stato ha contribuito per settanta milioni di euro (il resto è stato finanziato dall'Amministrazione regionale), prima dell'arrivo di Renzi potrebbe essere considerata come una sorta di "incidente diplomatico" e quindi, nel più totale silenzio e senza nessuna conferma ufficiale, da sabato 30 maggio si potrà salire sulla cabina panoramica rotante, fino alla stazione di Punta Helbronner a 3.449 metri di quota.

La prima corsa, a differenza di quanto pubblicato il giorno prima (infatti i dati sono poi stati corretti), è partita alla ore 7.30 dalla stazione del Pontal d'Entrèves, a 1.308 metri di quota, che ospita un bar, le biglietterie, il parcheggio per i pullman e 350 posti auto a pagamento (gratuito per mezz'ora, un'euro l'ora fino a quattro ore, cinque euro da cinque fino a dodici ore e dieci euro da tredici ore a tutto il giorno, e per ogni giorno fino ad un massimo di quattordici) e l'ufficio delle guide alpine di Courmayeur.
Con la prima funivia si arriva al Pavillon du Mont Fréty, a 2.172 metri di quota, dove c'è un ristorante con due sale per complessivi 150 posti, una sala conferenze e cinema anch'essa da 150 posti (ancora da concludere), una "shopping area", la "Cave Mont Blanc", un laboratorio di sperimentazione per lo spumante "Cuvée des guides", ed il giardino botanico "Saussurea".
Da lì si riparte verso la terza stazione, quella di "Punta Helbronner", dove c'è un bar ristorante, una terrazza a 360 gradi, la sala dei cristalli "Hans Marguerettaz" ed una sala con degli schermi multimediali che raccontano la storia dell'alpinismo. Attaccata alla stazione italiana c'è sempre quella francese, punto di arrivo della "Télécabine panoramic Mont-Blanc" che parte da Chamonix ed attraversa la "Vallée blanche".
Le cabine della nuova funivia del Monte Bainco, che possono ospitare fino ad ottanta persone nella prima tratta e 75 nella seconda, sono di forma sferica, realizzate in forte contrasto con il mondo delle vette selvagge e spigolose, e ruotano mentre si muovono a nove metri al secondo, permettendo, grazie alle grandi vetrature, di poter osservare il panorama a 360 gradi.

Il biglietto singolo di andata e ritorno da Pontal a Punta Helbronner, nella bassa stagione estiva (dal 30 maggio al 19 giugno e dal 31 agosto al 30 novembre) costa 40 euro (21 euro 50 centesimi da Pontal al Pavillon e 26 euro e 50 dal Pavillon a Punta Helbronner) ed è stata organizzata una promozione "Speciale famiglia" per due adulti e due bambini tra gli otto ed i quattordici anni al prezzo scontato di 112 euro, con l'integrazione di 17 euro e 50 centesimi dal terzo bambino in poi. Il biglietto è gratuito per i bambini fino ad otto anni se l'acquisto è contestuale a quello di un adulto, altrimento lo sconto è del 75 per cento, mentre gli under 14 avranno una riduzione del 30 per cento e gli over 65 del 20 per cento. I cani possono salire solo se indossano la muserola e per loro il biglietto è di tre euro. L'abbonamento stagionale estivo costo 550 euro. Durante l'alta stagione estiva i prezzi dei biglietti aumentano a 45 euro per l'andata e ritorno da Pontal a Punta Helbronner ed a 117 euro per lo "Speciale famiglia".
Fino al 26 giugno la prima partenza è fissata alle ore 7.30 e l'ultima andata e ritono alle 16.20, con l'ultima discesa alle ore 17 e l'ultima salita alla 16.20, dal 27 giugno la prima partenza sarà alle ore 6.30, mentre dal 24 agosto le salite inizieranno alle ore 7 e dal 31 agosto e per tutta la stagione invernale, alle 8.30.

I lavori, iniziati il 1° aprile 2011, sono stati diretti dall'ingegner Mario Petrella, e realizzati dal consorzio "Cordée Mont Blanc" composto dalle imprese "Cogeis SpA", "Ivies SpA", "Costruzioni Stradali Bgf Srl", "Doppelmayr Italia Srl", "Pac SpA", "Consorzio stabile Valle d'Aosta Scarl" e "Boma Construction Srl". La progettazione, realizzata tra il 2007 ed il 2009, è stata svolta da un'associazione temporanea di imprese composta dalla capogruppo "Dimensione ingenierie Srl", "Funiplan Srl", architetto Carlo Cillara Rossi, "Si.Me.Te. snc", "Studio Corona Srl", "Proteo Srl", "Studio Cancelli associato", ingegner Sergio Ravet, i dottori forestali Silvio Durante e Paolo Terzolo ed il geologo Roby Vuillermoz, con gli studi esterni da parte della "Holzner – Bertagnolli Engineering".

Nei video la presentazione della nuova funivia del Monte Bianco ed il primo giorno di attività:


.