Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Al castello Gamba la mostra "Résister/Resistere" di Silvia Bigi

Un viaggio tra il passato e il presente della montagna, indagati con lo sguardo contemporaneo di un'artista visuale. È questo "Résister/Resistere", la mostra di Silvia Bigi che viene inaugurata giovedì 10 ottobre alle 18 presso il Castello Gamba di Châtillon.

La mostra è l'atto finale della seconda edizione di "Montagna sociale contemporanea", ed è un'indagine visiva sulle possibili manifestazioni del dominio, con particolare attenzione alla paura intesa come forma primaria di controllo e assoggettamento. La ricerca non segue una linearità spazio-temporale, ma vede piuttosto la coesistenza di storie e di fenomeni che hanno attraversato il territorio depositandosi sulla sua terra, in strati compresenti e comunicanti.

Il titolo dell'esposizione si riferisce a un graffito inciso nella prigione femminile di Aigues Mortes, nella cella di Marie Durand, accusata di stregoneria a soli 15 anni: prigioniera per 38 anni, Durand non ha mai rinnegato il suo credo. In quell'atto di resistenza si racchiude la forza che in passato si è opposta - e che continua ad opporsi - a ogni tentativo di dominio che ciclicamente si ripresenta.

La mostra sarà aperta al pubblico fino a domenica 3 novembre; gli orari di apertura sono dal giovedì alla domenica dalle 10 alle 16.
La visita alla mostra è inclusa nel biglietto di accesso al Castello (5 euro intero, 3 e 2 euro i ridotti).

timeline