Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Firmato un accordo di prossimità territoriale tra sindacati e scuole paritarie per permettere a quaranta docenti non abilitati di ottenere il rinnovo del contratto

comunicato stampa

Le organizzazioni sindacali scolastiche della Valle d'Aosta FLC CGIL, CISL SCUOLA, SAVT ÉCOLE e SNALS-CONFSAL ed i legali rappresentanti delle istituzioni scolastiche secondarie paritarie presenti sul territorio regionale: Institut Agricole Régional, Fondazione per la Formazione Professionale e Turistica, Istituto Salesiano Don Bosco di Châtillon, Liceo Linguistico di Courmayeur hanno siglato, in data 25 luglio 2019, un Accordo di prossimità territoriale per permettere ai docenti di scuola secondaria in attesa di potersi abilitare (con il prossimo percorso abilitante secondo l'Intesa siglata al MIUR in data 24 giugno 2019) e di vedersi rinnovato il contratto a tempo determinato anche per il prossimo anno scolastico.

In Valle d'Aosta, infatti, le graduatorie ad esaurimento per la scuola secondaria risultano ormai esaurite e un numero considerevole di docenti abilitati è stato assunto in ruolo nella scuola pubblica regionale con gli ultimi percorsi concorsuali. L'Accordo di prossimità riguardante i docenti privi di abilitazione si è, quindi reso necessario sia per permettere agli aspiranti di vedersi rinnovato il contratto sia per permettere alle scuole paritarie regionali di garantire il servizio e la contestuale qualità dell'offerta formativa correlata alla continuità didattica. Tale accordo, frutto di un puntuale e serrato lavoro di condivisione e che ha avuto il supporto tecnico del giuslavorista prof. Daniele Chapellu, ha valenza in via transitoria (fino a conclusione di nuovi percorsi abilitanti all'insegnamento) e non oltre l'anno scolastico 2020/2021.

Secondo i padri salesiani del Piemonte (contratto AGIDAE), sarebbe il primo contratto di prossimità firmato in Italia di tale contenuto ed anche le OO.SS. nazionali hanno tale riscontro. L’intento è stato quello di permettere ai docenti privi di abilitazione ed in attesa di poter frequentare i percorsi abilitanti di cui il Ministro Bussetti ha firmato un’intesa con le OO.SS. scuola in data 24 giugno 2019 di potersi vedere rinnovato il contratto di lavoro oltre i mesi previsti dal “decreto dignità”.
Nello specifico per la Valle d'Aosta si tratta di una quarantina di docenti.