Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Giuliano Cavallo vince il "Tor130 - Tot Dret" a tempo di record

comunicato stampa
Giuliano Cavallo (foto Giacomo Buzio)

Tanti colpi di scena, soprattutto nella prima parte di gara, ma alla fine il "Tor130 - Tot Dret" è di Giuliano Cavallo. Il valdostano del "Team Salomon - Courmayeur Trailers" ha sempre tenuto le posizioni di vetta, alternandosi con Henri Grosjacques e Dino Melzani (ritiratisi entrambi a Oyace), ed ha poi preso il largo, arrivando al traguardo di Courmayeur in 23h01'25" e facendo segnare il record della corsa, scendendo finalmente sotto il muro delle 24 ore.

Cavallo succede nell'albo d'oro della gara di 130 km a Cesare Clap e Marco Mangaretto: l'anno scorso dovette ritirarsi a Bosses quando, proprio con l'atleta canavesano, stava dando vita ad una battaglia sempre più interessante. Quest'anno ha ottenuto un terzo posto al K113 dello "Scenic Trail", ma con i sentieri della Valdigne ha un particolare feeling: oltre alla vittoria al "Licony" nel 2018, vanta due secondi posti al "Gran Trail Courmayeur" 105 km (2017 e 2018) e quattro vittorie consecutive - tra il 2013 e il 2016 - nelle distanze più brevi della stessa gara. Nel suo palmarès anche un ottimo terzo posto alla "Ccc" nel 2016.

«E' stata dura», ha detto con la voce rotta dall'emozione. «Non sapevo se ce l'avrei fatta, ho saltato anche le ferie per prepararmi, togliendo del tempo alla mia famiglia, anche perché ho avuto un infortunio a giugno e ho potuto allenarmi solo in bicicletta. Volevo arrivare, potevo spingere anche di più, ma ho imparato dall'errore commesso lo scorso anno, quando ero partito troppo forte. Spiace per i ritiri degli altri, io oggi in discesa andavo veramente forte».

Al secondo posto attualmente Michael Dola, seguito da vicino da Marco Bethaz, entrambi a un'ora e mezza da Cavallo e separati di un solo minuto al "Frassati". La classifica femminile rimane invariata, con Marina Cugnetto che aumenta gradualmente il proprio margine di vantaggio su Marie Berna e Ana Cristina Constantin: a Ollomont il vantaggio era, rispettivamente, di 50 minuti e 1h45.

"Tor X", sul podio insieme a Bosatelli salgono Galen Reynolds e Danilo Lantermino
Nel pomeriggio si è completato anche il podio del "Tor X" con gli arrivi del canadese Galen Reynolds, poco dopo le ore 18 (77h06'12”) e di Danilo Lantermino, alle 19.09 con il tempo di 79h09'49”. Reynolds sfiora così la vittoria per il secondo anno consecutivo, arrendendosi soltanto di fronte alla forza di Oliviero Bosatelli, anche a causa di una serie di problemi fisici, su tutti alcune difficoltà di respirazione e al tibiale. Il canadese del "Team Montane", 35 anni, ha comunque tagliato il traguardo sorridente, atteso dalla moglie e dai due figli. «Bosatelli? Gli avevo chiesto di aspettarmi per un caffè ma non lo ha fatto», ha scherzato Reynolds a caldo, emozionato e contento per uno splendido secondo posto.

La vera sorpresa della giornata però è rappresentata dal terzo posto di Danilo Lanternino, conquistato praticamente al fotofinish alle spese del francese Romain Olivier, andato in forte crisi nella discesa dal Col du Malatrà verso Courmayeur. Negli ultimi 20 km il cuneese che corre per la "Asd Valle Varaita", 38 anni, ha letteralmente cancellato lo svantaggio che aveva nei confronti di Olivier, circa 1h30 al rifugio "Frassati", nel primo pomeriggio. «Ho saputo che Romain era in crisi in cima al Malatrà e al Bertone ero già terzo: mi dispiace comunque per lui, ha fatto una grande gara», ha dichiarato all'arrivo.

Luca Papi vede la luce in fondo al "Tor des Glaciers"
Mancano “solo” una settantina di chilometri alla fine del viaggio di Luca Papi nei 450 km del "Tor des Glaciers". L'italiano ha circa 20 km di vantaggio su Richard Victor, che a sua volta è davanti a Masahiro Ono. Marina Plavan è sempre la prima delle donne.

podcast "listening"