Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Hervé Barmasse in Nepal per la traversata del Chamlang: nel 2020 punta ad aprire una nuova via su un Ottomila

comunicato stampa
Hervé Barmasse

Oggi il Nepal. E domani, cioè la prossima primavera, un altro Ottomila. Per Hervé Barmasse è partita martedì 1° ottobre da "Malpensa" l'operazione Chamlang, la montagna nepalese (7.319 metri) sulla quale l'alpinista valdostano andrà insieme al tedesco David Göttler, suo compagno due anni fa nella salita della parete sud dello Shisha Pangma (8.013 metri) e al colombiano Andres Marin.

«Abbiamo in mente diversi obiettivi - spiega Barmasse, atleta del "Global Team The North Face" - il principale è la traversata del Chamlang, iniziata ma non completata da Reinhold Messner nel 1983 e, l'anno dopo, da Doug Scott, capace insieme al figlio Michael, Jean Afanassieff e Ang Phurba di salire due delle tre cime principali».
I piani di Barmasse saranno naturalmente vincolati dalla variabile-meteo. «Nel caso in cui non ci fosse propizio per inseguire l'obiettivo del concatenamento, resteremo nella valle dell'Hongu, parallela a quella dell'Everest, poiché ci offrirebbe altre possibilità».

Nessuna incertezza, invece, sullo stile da utilizzare. «Coerentemente con tutto il mio percorso, punteremo ad andare lontano dalla confusione delle vie normali agli Ottomila, alla ricerca di un'esperienza nuova e incerta nel risultato. La vetta è solo un punto geografico e come la raggiungeremo rimane per ora la vera sfida».
Un alpinismo, quello di Barmasse, sempre rispettoso dell'ambiente. «Tutto il materiale con cui saliremo lo riporteremo a valle. Si tratterà peraltro di un progetto dal timing relativamente breve: trenta giorni di cui tra 15 e 18 dedicati alla scalata. Lassù capiremo quanto siamo allenati in vista del progetto 2020: l'apertura di una via nuova su un Ottomila. Naturalmente in stile pulito».