Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Inaugurata la centrale elettrica "Champagne 2" di Villeneuve, totalmente ristrutturata in cinque anni

redazione 12vda.it

La centrale di 'Champagne 2' di Villeneuve E' stata inaugurata mercoledì 1° agosto, a Villeneuve, dopo la completa ristrutturazione elettrica e meccanica, la centrale "Champagne 2" di proprietà della "Compagnia valdostana delle Acque - Cva", entrata in servizio nel 1938, che produce circa 140 gigawatt all'ora l'anno.
I lavori costati undici milioni e 600mila euro, erano iniziati nel settembre 2009 ed erano stati aggiudicata dalla "Cva", tramite gara pubblica, alla "Water Gen Power", azienda genovese partecipata dalla stessa "Cva".

La centrale di "Champagne 2" è alimentata dalle acque della Dora Baltea che vengono intercettate dallo sbarramento di La Salle e proseguono poi in un canale di undici chilometri sino alla vasca di carico di Introd e, una volta uscite dall'impianto, alimentano ancora la centrale di Aymavilles.
In anni più recenti le tre vecchie condotte forzate sono state sostituite da un'unica nuova, con un salto di 203 metri ed una portata d'acqua di sedici metri cubi al secondo. I tre gruppi di generazione, composti ciascuno da un generatore trascinato da due turbine "Pelton" a due getti, hanno una potenza complessiva di 27 megawatt e producono circa 140 gigawatt all'ora l'anno: «la ristrutturazione della centrale, che ha comportato la sostituzione di tutte le turbine, i generatori, ed i macchinari di automazione e distribuzione elettrica - spiega Mario Bianchi, presidente e fondatore della "Water Gen Power" - ha permesso di mantenere intatto l'edificio che, per il suo valore storico ed artistico può essere inserito fra le "cattedrali industriali del 900", rispettandone le caratteristiche architettoniche ed estetiche dell'insieme e cercando di operare meno fermate possibili al funzionamento dello stesso. La parte di progettazione è stata messa a punto dai nostri tecnici in Italia mentre le turbine e i generatori sono stati costruiti dalla società cinese "Chongquing water turbine works - Cwtw", uno dei primi operatori al mondo di turbine e componentistica speciale per centrali alimentate da fonte idraulica con cui noi vantiamo una partnership in esclusiva grazie alla quale, dall'anno della nostra fondazione, il 2008, ci siamo aggiudicati gare d'appalto per centrali idroelettriche per una potenza installata di oltre cinquanta megawatt. Con questa realizzazione abbiamo dimostrato di come si possa coniugare modernità, funzionalità, efficienza ed alta qualità tecnologica consentendo a un'opera così bella e importante di tornare alla sua piena efficienza, grazie anche al prezioso lavoro di tutti i nostri partner, da "Cva" a "Cwtw"».
Al taglio del nastro erano presenti, oltre a Bianchi, anche il presidente della Regione, Augusto Rollandin, il presidente di "CVA", Riccardo Trisoldi, ed una delegazione cinese di "Cqme Cwtw" guidata dai presidenti Ha Jun Xie e Zicheng Zhao, che si erano già incontrati prima, con Rollandin, a Palazzo regionale.
"Water Gen Power" opera prevalentemente in Valle d'Aosta e conta di chiudere il 2012 con circa quattordici milioni di euro di ricavi: «recentemente i soci di "Water Gen Power" hanno approvato un aumento di capitale dagli attuali 66mila a 900mila euro - annuncia Bianchi - in modo da patrimonializzare adeguatamente la struttura anche per poter partecipare a gare per impianti idro di importi e caratteristiche tecniche più elevate».

 

timeline