«Gentilissimi tutti, saggi, avvocati, politici di prima e di ora, giornalisti e residenti, sindacalisti di vecchia data e odierni, manager, consulenti, vista la situazione attuale che sta degenerando giorno dopo giorno e visti i tempi sempre più stretti per il completamento della procedura di mobilità messa in atto unilateralmente dall'azienda, forse è opportuno un chiarimento generico». Inizia così una lunga mail di un dipendente del Casinò di Saint-Vincent, che racconta la critica situazione dal punto di vista di chi lavora nella Casa da Gioco, resa pubblica su "Facebook" da Roberto Cognetta, consigliere regionale del "Movimento 5 stelle".

La rottura di un rubinetto nel bagno dei disabili del primo piano, avvenuto probabilmente nella serata di venerdì 21 aprile, ha provocato l'allagamento dell'Itpr "Corrado Gex" di Aosta: il danno, scoperto nella mattinata di lunedì 24, ha costretto la dirigente, Patrizia Bongiovanni, a sospendere le lezioni ed a mandare a casa circa un migliaio di studenti e centocinquanta docenti, in attesa delle valutazioni dei Vigili del fuoco, intervenuti sul posto insieme ai colleghi volontari: la scuola rimarrà chiusa anche mercoledì 26 aprile, in attesa che vengano concluse le operazioni di messa in sicurezza.

Sono sei, anche se l'elenco ne vede sette, i nuovi candidati "papabili" per l'incarico di direttore generale dell'Azienda Usl della Valle d'Aosta, pubblicati nella delibera "fuori sacco" approvata dalla Giunta regionale lo scorso venerdì 14 aprile, dopo che il 17 gennaio, Massimo Veglio aveva lasciato il ruolo per andare a dirigere l'Azienda sanitaria locale "Città di Torino". Nonostante le sue dimissioni, Veglio è ancora uno dei sette nuovi candidati della lista che, rispetto a quella dell'agosto 2015, porta a diciannove coloro i quali presentano i requisiti richiesti per poter guidare la sanità valdostana. Gli altri sono Gino Baldi, Carlo Bono, Adriana Brusa, Giuseppe De Filippis, Gianluca Peschi Stefania Riccardi già direttore generale dell'Azienda Usl per tredici anni, fino al 2013. 

Si è consumato nella mattinata di mercoledì 19 aprile l'addio tra Delio Donzel, assessore all'ambiente di Aosta e la Stella Alpina, il movimento per il quale è stato eletto, per quattro volte consecutive in Consiglio comunale ad Aosta e, nel 2013, è stato il primo escluso tra gli eletti in Consiglio regionale, seggio al quale aveva rinunciato dopo la sospensione del "collega" Marco Viérin. Donzel, che già nel momento della rinuncia del posto in Consiglio Valle non aveva risparmiato critiche agli ormai ex compagni di movimento, farà parte del "gruppo misto di maggioranza", insieme ai consiglieri Luca Girasole e Sara Dosio che avevano già abbandonato ufficialmente la Stella Alpina lo scorso 16 marzo.

Marwane Talibi, 22enne di origine marocchina domiciliato ad Aosta è stato arrestato, dai Carabinieri di Breuil-Cervinia, nella giornata di sabato 16 aprile: "l'arresto, eseguito su ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Aosta - si legge in una nota - è stato operato all'esito di un'indagine della stazione dei Carabinieri iniziata dopo il furto di un furgone per il trasporto di persone, del valore di 25mila euro, asportato i primi del mese presso un hotel del luogo"

E' indefinibile la performance pasqualina di Vittorio Sgarbi a "Les Mots - Festival della parola in Valle d'Aosta", in piazza Chanoux ad Aosta, nel pomeriggio di domenica 16 aprile. Presentata come "lectio magistralis", l'esternazione della vasta conoscenza della storia dell'arte del celebre critico, ha inizialmente imbarazzato e poi divertito il folto pubblico.  
L'equivoco sulla data, sull'ora e persino sul tema dell'incontro ha fatto arrivare ad Aosta uno Sgarbi «senza slide, per cui dovremo fare senza. Mi chiamano all'ultimo, come si farebbe con una squillo - ha criticato ostentatamente Arnaldo Colasanti, che in qualità di direttore artistico della manifestazione l'ha voluto coinvolgere - ho scoperto ieri di dover parlare oggi e stamattina che il tema sono i monumenti Valle d'Aosta».

Un "Premio Nobel" per la pace, una serie di missioni delicate, l'esercito di una entità che non ha soldati: i "Caschi blu" delle "Nazioni Unite" vengono raccontati in un libro fotografico, in cui le immagini sono catalogate in ordine geografico, anziché per missioni: «è un importante documento di geografia politica» ha evidenziato Anna Maria Pioletti, docente di geografia all'università della Valle d'Aosta che nel pomeriggio di martedì 18 aprile ha ospitato nell'aula magna "Sant'Anselmo" la presentazione del libro "Caschi blu italiani: dalla carta delle Nazioni Unite al peacekeeping".

Daniele Di Lella, 32enne aostano, arrestato dagli agenti della "Squadra mobile" della Questura di Aosta nel pomeriggio di martedì 18 aprile, in flagranza di reato di spaccio di sostanze stupefacenti, ha patteggiato, nel processo per "direttissima" al Tribunale di Aosta, una condanna ad otto mesi di carcere, ottenendo la sospensione della pena e tornando quindi in libertà.

Anna Maria Careri, 53 anni, dirigente dei servizi sociali e patrimoniali del Comune di Aosta, è il nuovo capo dell'ufficio di rappresentanza a Bruxelles della Regione, nominata con incarico fiduciario dalla Giunta nella giornata di venerdì 14 aprile: sostituisce Remo Chuc, che non è stato confermato nell'incarico, a differenza degli altri dirigenti Luigi Malfa (segretario generale), Paolo Di Nicuolo (capo di gabinetto), Luca Apostolo (vice capo di gabinetto), Silvano Meroi (coordinatore della "Protezione civile"), Fabrizio Herin (capo dell'ufficio dei rapporti istituzionali) e Dario Ceccarelli (capo dell'osservatorio economico e sociale) che continueranno a svolgere, con la Presidenza di Pierluigi Marquis lo stesso ruolo che avevano con Augusto Rollandin

accade in VdA

annunci sponsorizzati

Sembra di tornare indietro nel tempo, quando ogni oggetto era in grado di vivere molte vite, adattandosi e rinascendo ad ogni generazione. L'originalità è il segno distintivo di Patrizia Farinella, hobbista che punta sulla manualità per decorare con gioielli particolari, accessori e oggetti d'arredo.

La pubblicità su 12vda è efficiente, conveniente ed etica. Per maggiori informazioni e per un preventivo personalizzato, senza impegno, potete contattare l'ufficio marketing di 12vda, ai numeri telefonici 0165.06.18.85 o scrivendo una mail a marketing@12vda.it.

i video

Eventi dal Consiglio Valle

@askanews_ita