Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La "Cogne acciai speciali" ed i sindacati individuano un percorso a tutela di tutti i lavoratori e delle loro professionalità

comunicato stampa

Salvaguardare gli attuali livelli occupazionali, tutelare i lavoratori con contratto a tempo determinato, mantenere le professionalità che hanno permesso alla "Cogne" di continuare a crescere nel mercato mondiale dell'acciaio inossidabile con nuovi prodotti in settori strategici. Sono questi i capisaldi attorno ai quali nella mattina di mercoledì 11 settembre azienda ed organizzazioni sindacali si sono riunite per individuare un percorso e gli strumenti necessari per far fronte a un leggero rallentamento della congiuntura a livello internazionale e, in particolare, del mercato dell'automotive.

Come evidenziato nel corso dell'incontro, la situazione è in continua evoluzione e la flessione riguarda una parte delle lavorazioni, tanto che alcune linee di produzione continueranno invece a operare a pieno regime senza alcun tipo di rallentamento. Proprio per monitorare l'andamento degli ordini da qui alla fine dell'anno, azienda ed organizzazioni sindacali. si incontreranno periodicamente in modo da condividere delle soluzioni che permettano di contenere al massimo l'impatto di tale flessione, che ha assunto rilevanza anche a seguito di una lunga fermata straordinaria di cinque settimane che ha inciso in maniera significativa sul monte ore delle ferie di una parte dei lavoratori. Uno "stop" che si è reso necessario per la realizzazione di due importanti investimenti finalizzati a migliorare l'impatto ambientale della "Cogne" sul territorio.

Operativamente, non trovandosi di fronte a un esubero della forza lavoro, bensì a una "contrazione temporanea degli ordini", la soluzione individuata, che verrà presentata in maniera più dettagliata ai lavoratori dalle organizzazioni sindacali nel corso di un'assemblea in programma giovedì 19 settembre, prevede l'attivazione della "Cassa integrazione guadagni" ordinaria a partire dal 30 settembre e sino alla fine dell'anno.
Questo strumento sarà utilizzato in maniera "verticale", cioè almeno un giorno alla settimana nelle aree produttive coinvolte, e l'azienda si impegnerà ad applicarlo in modo uniforme, laddove possibile anche con analisi di polivalenza, così da garantire un'equità di trattamento per tutti i lavoratori interessati.

podcast "listening"