Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La Polizia, al Traforo del Gran San Bernardo, trova su un autobus un 17enne tedesco scomparso a giugno

comunicato stampa

Personale della Polizia di Stato, in servizio presso la Sottosezione Polizia di Frontiera del Gran San Bernardo, nell’ambito delle attività di contrasto al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed alla criminalità transfrontaliera, nella serata di mercoledì 11 settembre procedeva al controllo, in uscita dal territorio nazionale, dei passeggeri a bordo di un autobus di linea con tratta Genova/Bruxelles e rintracciava un minore, cittadino tedesco, di 17 anni che, all’atto del controllo, dichiarava di essere privo di documenti.
Da un’interrogazione al terminale è emersa, a carico dello stesso, una ricerca internazionale per minore scomparso, inserita dalla Germania ad inizio giugno 2019.

Nell’immediato il personale di Polizia faceva scendere dal bus il minore e lo accompagnava in ufficio per approfondire la situazione. Il minore dichiarava spontaneamente di essersi allontanato volontariamente dalla propria abitazione senza il consenso dei genitori. Si notiziava pertanto il P.M. di turno presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Torino e si procedeva successivamente ad accompagnare il suddetto minore presso una struttura d’accoglienza.

Nella giornata di giovedì 12 settembre, alle ore 10.30, dopo l’arrivo dei genitori negli uffici del Settore Polizia di Frontiera di Aosta, il minore è stato affidato alla madre.

podcast "listening"