Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Le stelle internazionali Kilian Jornet ed Emilie Forsberg al via del Uyn vertical Courmayeur Mont Blanc

comunicato stampa
La partenza dell'edizione 2018

I 400 pettorali a disposizione sono andati ancora una volta esauriti. Il Uyn vertical Courmayeur Mont Blanc anche quest’anno ha fatto il pieno di iscritti e nel K2000 di sabato si preannuncia uno spettacolo unico. Come uniche saranno le due stelle internazionali che saranno al via della gara di sola salita che dal centro di Courmayeur porterà i concorrenti sulla terrazza panoramica di Punta Helbronner.

Sabato 3 agosto in griglia di partenza ci sarà Kilian Jornet, uomo icona della montagna e delle grandi imprese, scialpinista e atleta di corsa in montagna che ha vinto otto volte la Skyrunner World Series. E al suo fianco non mancherà la compagna Emilie Forsberg, svedese e altra protagonista dello scialpinismo e dei trail.
Nella gara femminile sarà presente anche Lisa Borzani, che cercherà la migliore condizione in vista del decennale del Tor des Géants, mentre in quella maschile è atteso il valdostano Nadir Maguet che tenterà una sfida ravvicinata con Jornet. In mezzo ad austriaci, finlandesi, francesi, britannici, norvegesi, olandesi, polacchi, spagnoli, americani, svizzeri e ucraini ci saranno anche gli alpini del Centro Sportivo Esercito, Daniel e Robert Antonioli e Denis Trento. E poi ancora Giovanni Bosio e Ilaria Veronese.

La gara regina sarà anticipata, come da tradizione, dal K1000 che si correrà venerdì sera (2 agosto) e che arriverà al Pavillon. Una sfida in notturna che vedrà impegnati un centinaio di concorrenti. Ci saranno anche Davide Cheraz, Mattia Luboz, Gloriana Pellissier e la scialpinista Giulia Murada.
Sempre venerdì saranno impegnati anche i bambini. Alle 11 in zona Pavillon verrà organizzata una prova non competitiva che costeggerà il Giardino Botanico Saussurea e che sarà aperta ai giovani tra gli 8 e i 15 anni. Le iscrizioni (costo 15 euro) potranno essere effettuate venerdì mattina alla partenza della funivia Skyway.

Dopo il vertical di Courmayeur - prova inserita all’interno del Défi - i circuiti valdostani si prendono una pausa fino a sabato 24 agosto, quando tornerà il Gran Paradiso Raidlight trail. Due le distanze: trail di 26 chilometri e ultra di 45, entrambi con partenza e arrivo da Dégioz di Valsavarenche. Le iscrizioni sono aperte sul sito di Wedosport con tariffa di 45 euro per l’ultra, 80 euro per l’ultra a coppie, 30 euro per il trail. Quota agevolata di 20 euro per i minorenni 15-17 anni.

podcast "listening"