A Morgex test drive ecologico con simulazioni di utilizzo reale per l'automobile elettrica "Opel Ampera"

redazione 12vda.it

La 'Opel Ampera' alla cittadella dei giovani di Aosta Nella sala del poliambulatorio di Morgex, giovedì 18 ottobre si è tenuto il "test drive" sulla mobilità sostenibile organizzato dall'associazione "EnergoClub onlus", nell'ambito del progetto "SoleinRete", nel quale diversi cittadini interessati hanno potuto cimentarsi nel testare la "Opel Ampera", automobile elettrica ad emissioni zero e realizzare vere e proprie simulazioni sulle abitudini di utilizzo dei singoli consumatori, interrogando gli esperti presenti.
La "Opel Ampera", strettamente derivata dalla "Chevrolet Volt", è una auto ibrida elettrica "plug-in", che si ricarica completamente in poco più di sei ore allacciandola alla presa di corrente di casa: ha un motore elettrico alimentato da una batteria ricaricabile agli ioni di litio da 16 kWh ed un piccolo motore a benzina da 1.000 centimetri cubici, connesso ad un generatore da 53 kW. A differenza della "Toyota Prius", progenitrice della mobilità elettrica di massa, di cui diversi esemplari si notano anche in Valle d'Aosta, la "Ampera", che ha un prezzo di listino di 45mila e 500 euro, (mentre la "Volt" viene venduta a 43mila e 350 euro) viene denominata "auto elettrica con estensore di autonomia", dato che il motore di trazione è quello elettrico in ogni situazione di guida e non viene sostituito, come nel caso della "Prius", da quello a benzina in caso di necessità. La diffusione dei veicoli elettrici e lo sviluppo dell'intera filiera rappresentano un tassello importante del nuovo concetto di mobilità sostenibile che comporta evidenti benefici non solo in termini di riduzione delle emissioni, ma anche di abbattimento della polveri sottili pm10 e pm2,5 particolarmente nocive per la salute, con ricadute positive a livello sociale ed economico.
Fino al mese di settembre 2012 sono state 2.151 le vetture elettriche vendute in Italia, delle quali 1.565 quadricicli (come la "Renault Twizy", alla cui progettazione hanno collaborato gli studenti dell'Isitip di Verrès) e veicoli commerciali, a testimonianza della sensibilità degli italiani per l'utilizzo di mezzi alternativi maggiormente ecosostenibili.
L'associazione "EnergoClub", con il progetto "Soleinrete" agevola e assiste i cittadini nelle fasi di analisi per perseguire l'autonomia energetica.