Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Nel 2020 il Comune di Aosta spenderà oltre mezzo milione di euro per il teleriscaldamento di 27 stabili

redazione 12vda.it
I lavori di 'Telcha' in via Toruneuve, ad Aosta

Nel 2020 il Comune di Aosta spenderà 540mila euro per la "fornitura di energia termica tramite teleriscaldamento agli edifici comunali tramite società Telcha srl".
Nella determinazione dell'Amministrazione comunale, approvata lo scorso 20 agosto, e firmata dal dirigente Andrea Florio, si ricorda che il 13 febbraio 2008 era stata approvata "la convenzione tra il Comune di Aosta e la società Telcha per la realizzazione nel centro abitato della rete impiantistica per il teleriscaldamento" e, oltre cinque anni dopo, il 19 luglio 2013, anche "l'adesione in linea generale alla proposta di teleriscaldamento formulata dalla società Telcha per la successiva erogazione di energia negli stabili di proprietà comunale" e, dopo altri due anni, il 7 maggio 2015 "la bozza di contratto per la fornitura di energia termica tramite teleriscaldamento agli edifici comunali".

Gli stabili comunali che utilizzeranno il teleriscaldamento sono 27: "scuola materna "C. Gex" in viale della pace; scuola materna "Avondo" in via Avondo; scuola materna "S. Allende" in via Lys; scuola materna "O. Marcoz" in via Monte Grivola; scuola materna "G. Rodari" in via Bramafam; scuole "S. Francesco" in piazza S. Francesco; scuole materne ed elementari "Q. Dora" in via Buthier; scuole materne, elementari e medie "Q. Cogne" in via M. Cavagnet; scuola elementare "E. Ramires" in via Chambery; scuole elementari e medie "L. Einaudi" in viale della pace; scuola media "S. Roch" in corso Ivrea; scuola "L2" in place Soldats de la neige; stabile "L4" in Place soldats de la neige; stadio "Puchoz", in piazza G. Mazzini; palestra "Binel" in via Lys; palestra "Liconi" in via Liconi; "PalaMiozzi " in via A. Berthet; ex biblioteca "Q. Dora" in piazza Battaglione Cervino; centro polivalente in corso St. Martin de Corléans; Palazzo Civico "scala UTC" in piazza S. Francesco; Palazzo Civico "scala ex Covo" in piazza S. Francesco; Palazzo Civico "scala Artigianato" in piazza E. Chanoux; Palazzo Civico "scala Hotel des Etats" in piazza S. Francesco; "Servizi sociali" in via A. Chanoux; scuola "Cerlogne" in via St. Martin; asilo e biblioteca in viale Europa e "casafamiglia" in viale Europa".

I 540mila euro sono divisi in sette capitoli, da 225mila euro (Istituzioni scolastiche), da 135mila euro (stabili vari), da 65mila euro (impianti sportivi), da 57mila euro (scuole materne), da 45mila euro (strutture anziani), da 10mila euro (asili nido) e da tremila euro (locali mensa).

Siccome "il contratto in argomento presenta particolare complessità sotto il profilo tecnologico in relazione alla configurazione tecnica degli impianti interessati che si è via via accentuata negli anni, anche in relazione al quadro normativo sempre più articolato e che in alcuni casi saranno anche coinvolti nel passaggio dall’alimentazione tradizionale (gasolio, metano) alla rete del teleriscaldamento cittadino", è stato anche deciso di nominare come "responsabile unico del provvedimento" il geometra comunale Paolo Castellaro (funzionario dell'area "T3 - Gestione e sviluppo del territorio" del servizio impianti tecnologici del Comune di Aosta), mentre l'istruttore tecnico Fabiano Frison è stato incaricato in qualità di "direttore dell’esecuzione del contratto" assumendo le funzioni di direttore operativo grazie ai "corsi Enea/Fire nel settembre 2002, al ruolo di "energy manager" per l'Amministrazione comunale assunto con continuità a partire dal 2003 e all'esperienza maturata negli anni in materia di gestione di energia termica".

podcast "listening"