Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Operazione “Giulia": quattro arresti della Polizia di Stato ad Ivrea e Vercelli per furto e ricettazione

comunicato stampa
Il materiale sequestrato dalla Polizia Stradale

Le indagini degli agenti del Compartimento Polizia Stradale "Piemonte e Valle d'Aosta" di Torino, sono scattate dopo che nell'aprile del 2018, a Chivasso, da un deposito/carrozzeria, erano "sparite" nella stessa notte quattro "Alfa Romeo" modello "Giulia" 2.2. turbo 180CV super, blindate, nuove da immatricolare, già allestite con sirena bitonale e lampeggiante e destinate alla Questura di Torino.
Tutte le auto sono state poi successivamente ritrovate.

L'episodio destava fin da subito particolare allarme tra gli inquirenti poiché era certo che doveva trattarsi di un gruppo di persone esperte, almeno quattro o cinque, che avevano intenzioni di commettere gravi delitti. Il rinvenimento di una "Alfa Romeo" modello "Giulia" con targhe false, parcheggiata sulla pubblica via, in mezzo alle villette di Settimo Torinese, nella tranquilla zona pre-collinare, ha dato il via alla complessa indagine, che dopo oltre un anno ha consentito di sgominare un articolato sodalizio criminoso dedito al furto ed al riciclaggio di trattori agricoli e macchine operatrici che, trafugati nell'eporediese, nel vercellese e nell'astigiano, venivano illegalmente esportati in Romania.

Il gruppo criminale composto da quattro persone, capeggiato da un 58enne di Ivrea, già conosciuto dagli inquirenti poiché arrestato in passato per gli stessi delitti, in ore serali e notturne si introduceva presso cantieri, aziende agricole o attività commerciali specializzate in rivendita di macchine operatrici e trafugava escavatori e macchine movimento terra di alto valore commerciale che, dopo esser stati temporaneamente nascosti in "posti sicuri", spesso in zone boschive di difficile accesso, venivano riciclati mediante alterazione del numero di telaio e poi venduti in Romania.

Gli episodi contestati ed accertati in un breve arco temporale, che va dall'aprile 2018 al giugno 2019, oltre all'associazione per delinquere (contestata solo a quattro indagati) sono circa trenta e risultano consumati in Ivrea, Chivasso, Settimo Torinese, Cavagnolo Piemonte, Livorno Ferraris, Aramengo, Montanaro, Viverone, Caluso, Alice Castello, Borgo D'Ale, Gassino Torinese, Borgomasino, Maglione (TO), Villareggia, Novara, Burolo e San Sebastiano da Po.
Tra i numerosi episodi accertati, relativi soprattutto al furto di trattori agricoli, spicca anche un furto consumato nel novembre del 2018 ai danni del Comune di Strambino ove gli indagati avevano trafugato dal mercato rionale, sradicandoli dal marciapiede, tre colonnine per l'erogazione di energia elettrica e acqua potabile che i poliziotti della Stradale nel corso delle perquisizioni ed arresti eseguiti tra nei primi giorni di settembre, hanno poi rinvenuto e sequestrato in un terreno ubicato a Vigevano, in uso ad una famiglia di sinti piemontesi.
Uno dei maggiori indagati, infatti, un 51enne di Crescentino, li aveva consegnati al cugino 44enne di Asti che in quel periodo aveva lì spostato la sua dimora poiché ricercato dalle forze dell'ordine.

Sulla base degli elementi raccolti dalla Polizia Stradale, il Gip del Tribunale di Ivrea, su richiesta della locale Procura della Repubblica presso il Tribunale, emetteva un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei persone, quattro delle quali catturate nei giorni scorsi ed associate al carcere di Ivrea mentre due di loro al momento risultano ancora ricercate.
I capi di imputazione contestati ai maggiori indagati sono 44 riguardanti il furto e la ricettazione di numerosi mezzi per valore commerciale complessivo di circa 800mila euro. Durante le perquisizioni la Polizia Giudiziaria ha sequestrato due veicoli ("Jeep Renegade" e "Peugeot Expert" dotati di targhe false) usati per compiere i delitti, nonché materiale utile per contraffare targhe automobilistiche e strumenti usati duranti i colpi, quali radio trasmittenti, inibitori di segnale ("Jammer") lampeggianti blu in uso alle forze dell'ordine, palanchini, tronchesi e attrezzi artigianali utili per aprire e forzare serrature di ogni genere.

podcast "listening"