Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

A St.-Pierre calano i costi della mensa scolastica: non si pagherà più cento euro per l'iscrizione. Torna anche la tariffa unica per lo "scuolabus"

redazione 12vda.it
Il Municipio di Saint-Pierre

Saint-Pierre non sarà più il Comune valdostano dove l'iscrizione ai servizi scolastici di refezione costa di più: dal prossimo settembre, infatti, basteranno venti euro, invece dei cento dell'anno passato, per iscrivere il proprio figlio al servizio, (senza versare i cinquanta euro di caparra) con il costo del singolo pasto che sale da 3,88 a cinque euro per la scuola primaria e da 3,34 a 4,50 euro per la scuola dell'infanzia: «da segnalare anche l'introduzione, tanto richiesta, delle riduzioni per secondo e terzo figlio - spiega a 12vda Alessandro Fontanelle, assessore comunale all'istruzione - che saranno, rispettivamente del 25 e del 50 per cento, e rimangono, ovviamente, quelle relative ai valori "Isee"».

Come in altri Comuni, anche a Saint-Pierre si adotterà la "school card", una sorta di carta elettronica ricaricabile dove i genitori caricheranno, anche più volte durante l'anno scolastico, i pagamenti anticipati dei pasti, sia online o utilizzando il servizio di tesoreria comunale: «questo sistema porta numerosi vantaggi - aggiunge Fontanelle - meno crediti insoluti, rapidità nel controllare il "saldo pasti" e per gli uffici dei "servizi scolastici" in un'ottica di associazione col il Comune di Sarre, l'adozione di un metodo di riscossione comune e con il medesimo software».

Con l'occasione l'Amministrazione comunale di Saint-Pierre ha modificato anche le tariffe del trasporto scolastico abrogando i prezzi dello scorso anno, quando si pagavano 124 euro per utilizzare lo "scuolabus" e 330 euro per il "taxibus" che serviva le frazioni alte: «abbiamo deciso di ritornare alla tariffa unica che era in vigore sino all'anno scolastico 2013-2014 - sottolinea ancora l'assessore - che è stata determinata in 170 euro l'anno con l'obiettivo di raggiungere almeno il 22 per cento di copertura del servizio, come avveniva in precedenza. Anche in questo caso vengono introdotte per la prima volta le riduzioni per il secondo e terzo figlio e quelle relative ai valori "Isee"».

Una riunione con i genitori degli alunni delle scuole comunali di Saint-Pierre, per spiegare loro le modifiche dei costi ed i dettagli dei servizi, è stata organizzata alle ore 21 di martedì 26 luglio, presso la sala consiliare del Municipio: «le iscrizioni - conclude Alessandro Fontanelle - potranno essere effettuate nel da martedì 9 a mercoledì 31 agosto. Tutte le informazioni saranno anche disponibili sul sito Internet del Comune».

timeline