Ego Perron lascia l'incarico di assessore al bilancio: «avremo tempo di commentare anche le altre vicende» dichiara Laurent Viérin

Angelo Musumarra
La Giunta Viérin nella sua prima formazione in posa per l'ultima foto con Ego Perron

Dimentica le regole basilari del rispetto reciproco lo staff della Giunta guidata da Laurent Viérin, nella giornata in cui perde Ego Perron, assessore regionale al bilancio, finanze e partecipate, con delega al "Casino de la Vallée", che tornano così "ad interim" in capo al presidente della Regione. Dopo la convocazione di una riunione straordinaria dell'Esecutivo, non si sapeva se il Governo avesse aperto agli operatori dell'informazione (non tutti coloro che seguono l'attività della Giunta regionale, infatti, sono iscritti, come previsto dalla normativa vigente, all'Ordine dei giornalisti, ma vengono comunque ammessi agli incontri) e, dopo un'avviso telefonico alle ore 18.19, ed una e-mail alle 18.20, l'incontro è iniziato cinque minuti dopo senza aspettare tutte le testate convocate e che avevano confermato la loro presenza, con il risultato che alcuni, tra cui anche 12vda, non hanno potuto ascoltare tutte le importanti dichiarazioni sulla questione mentre altri hanno chiesto, ad incontro concluso, agli assessori ed al presidente Viérin di restare seduti al tavolo per realizzare le necessarie foto ed altri ancora sono arrivati dopo la fine dell'improvvisata conferenza stampa.

Ego Perron, dopo la condanna ad una pena di tre anni, si è dimesso con effetto immediato: "si tratta di un passo che compio a causa del mio profondo rispetto per le istituzioni regionali - ha scritto nella sua lettera con cui lascia l'incarico in Giunta - e che mi auguro si sottragga ad ogni polemica riferita alla situazione giudiziaria che mi riguarda. La volontà di dimostrare l'esagerazione della condanna che mi è stata inflitta oggi per la mia condotta di amministratore e di rappresentante al Mouvement al quale aderisco diventa la mia priorità da oggi ed è questo il compito al quale dedicherò le mie energie da domani. Ringraziandovi per la fiducia che mi avete accordato, porgo distinti saluti".
«In questa fase non reputo opportuno dimettermi da consigliere - ha poi aggiunto Perron - ed attendo con serenità, anche se con un po' di amarezza, l'evolversi della mia situazione da consigliere».

«C'è un iter che parte oggi - aggiunge il presidente Viérin - le dimissioni sono formalizzate oggi attraverso lettera, ci sono poi i passaggi del Consiglio e poi le altre valutazioni che si faranno. Ci sono dei regolamenti, delle procedure, in questo senso si lavorerà, la legge 20, quella che modifica la riforma alle partecipate procede, non ci sarà nessun rinvio, lunedì andrò in Commissione a presentare le migliorie che abbiamo valutato di inserire. Sulla mozione di sfiducia verso la collega Rini non facciamo nessun commento, parliamo solo di questa questione, ci sembrava giusto rendervi partecipi (evidentemente solo qualcuno, n.d.r.) in tutta trasparenza dell'attività della Giunta anche in questo momento ed avremo poi tempo di parlare anche di questo. Ci sarà modo e tempo di commentare anche altre vicende. Ora crediamo che sia importante sottolineare l'evoluzione di questa situazione».

"Ricordiamo che si tratta di un giudizio di primo grado - aggiungono dall'Union Valdôtaine in una nota - e non di una sentenza definitiva e ci auguriamo che, in Corte d'Appello Ego Perron possa essere assolto da tutte le accuse. In un momento così difficile sul piano personale, testimoniamo la nostra solidarietà ad Ego Perron, sottolineando che le sue dimissioni dalle sue funzioni di assessore rappresentano un atto di rispetto istituzionale che mette in evidenza un diverso senso di responsabilità nei confronti di coloro che oggi si costituiscono come moralisti ma che nel recente passato, hanno continuato a svolgere funzioni pubbliche nell'Amministrazione regionale, nonostante la loro condanna".

Ultimo aggiornamento: 
Venerdì 10 Novembre '17, h.19.20

Commenta..

Scrivi qui sopra il tuo commento alla notizia.

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il commento non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine

Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.