Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Sale del nove per cento il fatturato del Casinò: auspicabile «entro la fine dell'anno» la conclusione del concordato,

comunicato stampa
Stefano Silvestri e Filippo Rolando

La quarta Commissione "Sviluppo economico" del Consiglio Valle, nella riunione di giovedì 26 settembre, ha audito l'amministratore unico, Filippo Rolando, e il direttore generale della "Casinò de la Vallée", Stefano Silvestri, in merito alla situazione della Casa da gioco di Saint-Vincent nell'ultimo semestre.

«E' stato un incontro interessante, da cui è emerso un dato positivo: l'incremento del nove per cento del fatturato - riferisce il presidente della quarta Commissione, Giovanni Barocco - inoltre, analizzando i dati prospettici, l'amministratore unico e il direttore generale si sono detti fiduciosi anche per il futuro. Il risultato positivo della Casa da gioco è certamente il frutto dell'impegno del management, ma non bisogna dimenticare il grande sacrificio chiesto ai dipendenti: sia a chi, in base all'accordo sindacale, è stato licenziato, sia ai lavoratori tuttora in attività».

Nel corso dell'audizione è stata poi affrontata la questione dell'omologa del piano di concordato del Casinò de la Vallée: «tempistiche giudiziarie permettendo - dichiara il presidente Barocco - l'amministratore unico ci ha comunicato che si conta di chiudere la procedura entro fine anno».