Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Sergio Enrico lascia la guida del Forte di Bard: «problemi amministrativi complessi, volevo parlarne prima in Regione, ma sono troppo impegnati»

redazione 12vda.it
Sergio Enrico, presidente dimissionario del Forte di Bard

Sergio Enrico ha presentato, lo scorso venerdì 22 febbraio, le sue dimissioni dalla carica di presidente del Comitato di indirizzo della "Associazione Forte di Bard", l'organismo creato proprio con la nomina di Enrico, nell'aprile 2018, che sostituisce il Consiglio di amministrazione, che era presieduto dal presidente della Regione, per gestire il polo museale della bassa Valle: "le dimissioni - si legge in una nota - sono state motivate dalla presa d'atto di difficoltà nel risolvere problematiche legate alla gestione amministrativa".
Lo scorso 1° febbraio la Giunta regionale aveva trasferito all'associazione i 150mila euro dovuti per il 2019, che, per il 2018 erano stati pagati a maggio, mentre lo scorso 30 novembre l'Esecutivo aveva integrato il contributo con una "quota straordinaria" di 36mila euro.

Sergio Enrico, 65 anni, residente a Pont-Saint-Martin, diplomato perito elettrotecnico, già impiegato tecnico della "Olivetti", poi dal 1989, capo progetto nella partecipata regionale "In.Va." e quindi, al 1994, libero professionista. Enrico, consigliere comunale di minoranza della lista "J'aime Pont-Saint-Martin", riconducibile all'Union Valdôtaine Progressiste, era poi rientrato in "In.Va." nel 2017 come componente del CdA in rappresentanza dell'Amministrazione regionale, era stato scelto dall'Esecutivo regionale guidato da Laurent Vierin.
Il suo incarico, che non prevedeva nessun tipo di compenso, sarebbe dovuto dovuto durare un triennio: «non voglio dare problemi e resterò disponibile fino alla nomina del nuovo presidente - ha spiegato Sergio Enrico - ma non accetterò un evenutale nuovo incarico. Ci sono problemi amministrativi complessi che comportano il coinvolgimento dei soci, la Regione, che è il socio principale, con la "Compagnia di San Paolo" e la "Fondazione CRT" di Torino. Prima di illustrare questi problemi preferisco sentire la Presidenza della Giunta, speravo si potesse fare in questi giorni ma probabilmente hanno tante cose, e dato che si cominciava a parlare delle mie dimissioni ho preferito procedere con la comunicazione ufficiale».

"In questi mesi il presidente Enrico ha svolto numerose attività tese a migliorare l'efficienza dell'Associazione - conclude la nota del Forte - ed avviato una serie di iniziative di collaborazione con il territorio. L'Associazione Forte di Bard lo ringrazia per il suo operato e per l'impegno profuso nello svolgimento delle sue funzioni".

ultimo aggiornamento: 
Venerdì 1 Marzo '19, h.17.10

timeline