Federica Brignone vince per l'ottava volta in Coppa del Mondo, conquistando, per tre centesimi, la "combinata" a Crans Montana, in Svizzera, davanti a Michelle Gisin

redazione 12vda.it
Federica Brignone sul podio di Crans Montana

Ottava vittoria in Coppa del Mondo, eguagliando Karen Putzer, terza azzurra più vincente, alle spalle di Debora Compagnoni ed Isolde Kostner. Tutto con il successo nella "combinata" di domenica 4 marzo, a Crans Montana, in Svizzera, fa scrivere a Federica Brignone un bel pezzo della storia delle discipline invernali.
Nel superG del mattino, Federica Brignone ("Cs Carabinieri", 1'04"61), coglieva il quinto posto, mentre al vertice della classifica si piazzano le due azzurre Sofia Goggia (1'03"70) e Nicol Delago (1'03"94). Il capolavoro Federica lo compie nello slalom, dove fa registrare il terzo tempo parziale e lotta per la vittoria sul filo dei centesimi con la campionessa olimpica della specialità, la svizzera Michelle Gisin.

Il tabellone, alla fine recita Brignone (1'46"47) e, tre centesimi più distante, la Gisin (1'46"50), elvetica che rimonta ben quindici posizioni, ma alla quale non basta il miglior crono tra i pali stretti. Sofia Goggia conclude ottava, attardata di 73 centesimi mentre Nicole Delago è 18esima, a 2"59, con Marta Bassino 22esima ("Cse", 1'50"07), mentre è andata fuori Federica Sosio ("Cse"): «sono felice anche se è una giornata triste per lo sport italiano - ha commentato Federica, al termine della gara ricordando l'improvvisa scomparsa del calciatore Davide Astori, capitano della "Fiorentina" - era uno slalom difficile perché la neve si era scaldata e c'era qualche buco, ma io ce l'ho messa tutta. In slalom mi sono allenata pochissimo quest'anno, considerato l'infortunio che mi ha condizionato ad inizio stagione. Crans Montana mi porta fortuna: lo scorso anno feci un primo e un secondo posto. Qui mi trovo sempre molto bene e in questi due anni ho fatto ottime manche anche in slalom. Nello sci non si possono fare calcoli, dopo il superG non ero soddisfatta perché purtroppo non ero riuscita a fare ciò avrei voluto. Tra i pali stretti ho provato il tutto per tutto e quando ho visto il "verde" all'arrivo non ci credevo, sono esplosa dalla felicità».

«Amo sciare e non sarò mai stanca di fare gare nonostante siano già terminate le Olimpiadi. Quindi darò tutto in queste due settimane».

ultimo aggiornamento: 
Domenica 4 Marzo '18, h.19.10