Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Tre giorni in Valle d'Aosta per il blogger Gianluca Fazio, spesato dalla Regione "per la migliore riuscita delle iniziative"

redazione 12vda.it
Gianluca Fazio (foto da 'Facebook')

E' durata tre giorni, da venerdì 4 a domenica 6 ottobre, la permanenza in Valle d'Aosta di Gianluca Fazio, «fotografo, digital content creator e blogger» come si definisce sul suo blog, precisando che «c'è chi mi definisce "influencer", o "travel influencer" ma sono termini che non mi vanno particolarmente a genio, perché la mia passione è viaggiare e raccontare, e il fatto che questo possa influenzare qualcuno è del tutto secondario».

L'Amministrazione regionale, richiamando la deliberazione di Giunta numero 756 del 7 giugno scorso, che aveva approvato uno stanziamento di 178mila euro per "l'organizzazione di viaggi di familiarizzazione in Valle d'Aosta per giornalisti e operatori turistici italiani e stranieri nell'anno 2019", individuando "i servizi necessari alla realizzazione di tali viaggi conoscitivi, quali assistenza, ospitalità alberghiera, servizi di trasporto, accompagnamento da parte di guide turistiche, naturalistiche e alpine, noleggio di attrezzature sportive, spedizioni di materiale e ogni altra spesa che dovesse rendersi opportuna per la migliore riuscita delle iniziative", ha esplicitato che l'Assessorato del turismo ha ricevuto "richiesta di ospitalità e assistenza del noto travel blogger", da parte dell'agenzia di comunicazione "Aigo" di Milano, incaricata lo scorso marzo, con una spesa di 35mila euro, per la gestione "dei servizi di agenzia di comunicazione, finalizzati alla veicolazione dell'immagine e dell'offerta turistica della Regione presso gli organi di informazione italiani per l'anno 2019 e per la stagione invernale 2019/2020".

L'Assessorato del turismo ha quindi deciso di "organizzare per il blogger e il fotografo che lo accompagna, dal 4 al 6 ottobre, un educational focalizzato sul patrimonio culturale della città di Aosta e della Regione" e "ritenuto, pertanto, opportuno predisporre un programma articolato, che comprenda la scoperta e la visita ad Aosta romana, ai principali castelli valdostani visitabili senza tralasciare l'offerta turistica outdoor con un’escursione in e-bike nel paesaggio autunnale" e quindi l'Amministrazione regionale si è "fatta carico del costo relativo al transfer del blogger e del fotografo da Bologna fino in Valle d'Aosta e successivamente all'interno della Regione, alle spese di ospitalità in struttura ricettiva, dei servizi di ristorazione e di attività outdoor".

Nei tre giorni passati in Valle d'Aosta, Gianluca Fazio ed il suo fotografo hanno quindi soggiornato ad Aosta nei locali gestiti dalla "Maison du Rêve" per una spesa di 196 euro, hanno bevuto e mangiato al "Birrificio B63" (145 euro), alla "Trattoria degli artisti" (145 euro) ed "Ristorante Sur La Place" (105 euro) e sono andati in giro con un "servizio di accompagnamento con maestro di mountain bike" dell'associazione dilettantistica sportiva "PlainAir MTB" di Aosta che è costato 820 euro. Il viaggio da Bologna è stato acquistato dall'agenzia aostana del franchising "Gattinoni Travel Network" per 202 euro mentre per i servizi di "transfer" se ne è occupato "TaxiTroiloMarco" di Verrès, per una spesa 407 euro.

Complessivamente la spesa è stata quantificata in 2.020 euro di fondi pubblici, giustificata e considerata congrua dall'Amministrazione regionale perchè Gianluca Fazio "vanta 115mila followers Instagram ed è uno tra i più noti e apprezzati influencer italiani", si legge nel relativo provvedimento dirigenziale, approvato il giorno prima dell'arrivo del blogger "che conta circa 30mila visite mensili, sul quale scrive di viaggi, natura e lifestyle accompagnando gli articoli con spettacolari scatti paesaggistici e, pertanto, idoneo per la promozione del patrimonio culturale e naturalistico della regione".

timeline