Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Una slavina, ad Ayas, travolge una scialpinista biellese

redazione 12vda.it

Barbara Cappellaro, 28 anni, residente a Biella, scialpinista, è stata travolta nel pomeriggio di mercoledì 26 marzo da una valanga che si è staccata da sopra il lago Perrin, ad Ayas, a circa 2700 metri di quota.
La donna, faceva parte di un gruppo di sei biellesi che, poco prima, aveva raggiunto la Gran Cima: verso le 14, mentre stavano scendendo, uno degli scialpinisti è passato su una placca a vento provocando il distacco della slavina, con un fronte di venti metri, che ha investito la donna seppellendola sotto un metro di neve.
Tutti e sei erano dotati di 'Arva', l'apparecchiatura che permette di rintracciare la posizione delle persone travolte, e non c'è stata nessuna difficoltà per trovare la posizione della donna. Nessuno era dotato, però né di pale né di sonde e così non si è riuscito a tirarla fuori dalla neve: uno dei scialpinisti ha quindi continuato la discesa fino a quando è arrivato in una zona coperta dal cellulare ed ha chiamato i soccorsi: la Cappellaro è stata estratta dalla guide dopo venti minuti sotto la neve e portata all'ospedale 'Parini', non ha riportato traumi apparenti e restarà in osservazione.