Bruno e Chantal Cerise, figli di Alberto Cerise, presidente del Consiglio Valle dal 2008 al 2012 e, precedentemente, assessore regionale per sei anni, il quale ha passato complessivamente quindici anni nell'Assemblea consiliare regionale, non percepiranno i circa 500mila euro di "vitalizio" che il padre aveva "tecnicamente" maturato prima della scomparsa, avvenuta l'11 settembre 2012
Lo ha deciso la Terza sezione giurisdizionale centrale d'Appello della Corte dei conti, presieduta da Fausta Di Grazia, che nella sentenza pubblicata lo scorso 3 marzo, ha rifiutato il ricorso presentato nel maggio 2014 da parte dei due figli, i quali non avevano accettato l'analoga decisione in cui i giudici della Corte dei conti della Valle d'Aosta avevano dato ragione all'"Istituto dell'assegno vitalizio" della Regione, che aveva rifiutato la liquidazione, come eredi, sotto forma di capitale, del "vitalizio", richiesto dallo stesso dopo che si era dimesso dalla carica, il 4 settembre 2012.

Il presidente della Regione, Pierluigi Marquis, ha partecipato, lunedì 27 marzo, a Palazzo Chigi, a Roma, all'incontro tra i presidenti delle Regioni e delle Province autonome ed il presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni. L'incontro è stato un'occasione per esaminare varie questioni relative a politiche pubbliche, tra cui la spesa sociale e le misure per rilanciare gli investimenti. Dal canto loro, i presidenti delle Autonomie speciali hanno richiesto, ricevendo una risposta positiva, un tavolo di confronto con lo Stato per la definizione dei rapporti finanziari, anche sotto il profilo della certezza delle entrate, in vista dell'avvio della predisposizione dei documenti di bilancio regionali e statale.

Martedì 28 marzo si è tenuto, in serata, presso il Comune di Sarre, un incontro fra i rappresentanti del comitato cittadino "Sarre statale sicura", il neo assessore comunale in pectore con delega al territorio, mobilità, protezione civile, innovazione e reti tecnologiche, il sindaco di Sarre e con la partecipazione dell'assessore regionale alle opere pubbliche, difesa del suolo ed edilizia residenziale pubblica. A seguito di un confronto costruttivo e produttivo, si è proceduto alla stesura di alcuni punti condivisi di azione da svolgere nel più breve tempo possibile. 

Al dottor Giovanni Luca Cavoretto, 54 anni, è stato conferito l'incarico triennale di responsabile della struttura semplice "Emergenza territoriale e centrale operativa", generalmente conosciuta come "118" con deliberazione del direttore generale numero 382 del 13 marzo. La struttura semplice è stata istituita con l'ultimo atto aziendale risalente all'agosto 2016. 

«Il curriculum del professor Efisio Blanc non corrisponde a quanto legittimo attendersi da un profilo "di chiara fama"». Così Cristina Frosini, direttore del Conservatorio di Musica "Giuseppe Verdi" di Milano si è espressa, lunedì 13 marzo, in merito al parere richiesto, lo scorso 20 febbraio, dal "Tribunale amministrativo regionale" della Valle d'Aosta, che aveva analizzato e rinviato al prossimo 11 luglio, in attesa degli "incombenti istruttori", il ricorso presentato da ventidue insegnanti del "Conservatoire de la Vallée d'Aoste" contro la nomina di Blanc, avvenuta lo scorso 6 settembre, alla Direzione della scuola di Alta formazione musicale valdostana fino al 31 agosto 2019, decisa dall'allora assessore all'istruzione Emily Rini. Nella tarda mattinata di giovedì 23 marzo Blanc ha presentato le dimissioni.

Laurent Viérin, assessore regionale all'agricoltura e risorse naturali ha partecipato, nella mattinata di giovedì 23 marzo, a Bologna, nelle sede della Regione Emilia-Romagna, alla riunione della Commissione politiche agricole, che raggruppa tutti gli assessori all'agricoltura d'Italia: «è stata questa l'occasione per affrontare alcune importanti tematiche - ha raccontato - quali la posizione delle Regioni sulla riforma della "Politica agricola comune - Pac" da rappresentare alla Commissione agricoltura della Camera dei deputati. In questo ambito organizzeremo, nelle prossime settimane, un percorso di concertazione con le categorie e con il comparto agricolo, al fine di recepire le istanze del territorio e rappresentare la posizione della Valle d'Aosta in relazione alla futura politica agricola»

«Ringrazio i colleghi consiglieri per la nomina a segretario del Consiglio: carica che mi onora e che sarà foriera di nuove esperienze e che unita al mio impegno in tre Commissioni consiliari mi permetterà di lavorare nell'unico interesse da me auspicato, quello collettivo». Così Carlo Norbiato, consigliere iscritto al gruppo misto come indipendente, ha commentato la sua elezione nell'Ufficio di Presidenza avvenuta nella seduta consiliare di martedì 21 marzo.

annunci sponsorizzati

Sembra di tornare indietro nel tempo, quando ogni oggetto era in grado di vivere molte vite, adattandosi e rinascendo ad ogni generazione. L'originalità è il segno distintivo di Patrizia Farinella, hobbista che punta sulla manualità per decorare con gioielli particolari, accessori e oggetti d'arredo.

La pubblicità su 12vda è efficiente, conveniente ed etica. Per maggiori informazioni e per un preventivo personalizzato, senza impegno, potete contattare l'ufficio marketing di 12vda, ai numeri telefonici 0165.06.18.85 o scrivendo una mail a marketing@12vda.it.

i video

Eventi dal Consiglio Valle

@askanews_ita

Facebook

12vda versione 5.1

Il nuovo 12vda Dopo dodici anni di attività, 12vda ha aggiornato per la quinta volta la propria impostazione grafica, con l'obiettivo di offrire ai propri lettori un'esperienza di navigazione e lettura sempre più piacevole ed adeguata all'evoluzione tecnologica e di utilizzo.

Approfondisci...

Nota per i lettori

Angelo Musumarra, direttore responsabile di 12vdaGentili lettori di 12vda, a fronte di alcune notizie pubblicate da alcune testate in merito al nostro direttore responsabile, Angelo Musumarra, vi informiamo che lo stesso può continuare liberamente a svolgere il proprio lavoro, sulla base di quanto disposto dal Consiglio nazionale di Disciplina dell'Ordine nazionale dei Giornalisti.