Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Andreas Vittone nella storia: bronzo ai Mondiali di Mont-Sainte-Anne in Canada

comunicato stampa
Andreas Vittone

Ha cullato a lungo il sogno della maglia iridata, soprattutto dopo aver concluso al comando il penultimo giro, ma alla fine Andreas Vittone mette al collo la medaglia di bronzo dei Campionati Mondiali di Cross country di Mont-Sainte-Anne (Canada).
Un metallo che entra nella storia della disciplina; prima del gressaen, alla rassegna iridata riservata agli Juniores, il palmares azzurro, fino a venerdì 30 agosto, contava dell’oro di Gerhard Kerschbaumer nel 2009 e del bronzo di Tony Longo ne 2002.

Dopo l’ottima prestazione nella Team relay, Andreas Vittone, tesserato per il club ticinese Monte Tamaro, ha condotto una gara di testa. Al suono della campana, al suo fianco resisteva il britannico Charlie Aldridge e, poco più distante, il francese Luca Martin. Aldridge aumenta il ritmo e riesce a distanziare Vittone; da dietro, nell’ultima frazione dell’impegnativo e tecnico tracciato, recupera dieci secondi di distacco e supera l’azzurro Martin. Sulla linea del traguardo l’oro va al collo di Charlie Aldridge (1h 07’31”), che lascia a 11” il francese Luca Martin e, a 20” dal vincitore, e a nove dall’argento, Andreas Vittone. Una medaglia di bronzo per l’Italia e per la Valle d’Aosta.

In gara anche le Juniores Donne. Il titolo è andato alla svizzera Jacqueline Schneebeli, al traguardo in 1h 05’03, a precedere di 1’08” e 3’11” l’austriaca (e grande protagonista nel 2018, a Pila, negli Europei giovanili) Mona Mitterwallner e la norvegese Hélène Marie Fossesholm. La migliore delle azzurre, ultima della graduatoria a ‘pieni giri’, 32°, Nicole Pesse (Pila Bike Planet; a 15’).

podcast "listening"