"Col del Rosso" di Antonio Cunico vince il 13esimo concorso fotografico di "Fondation Grand Paradis", sul tema "confini"

comunicato stampa
Un dettaglio della foto vincitrice di Antonio Cunico (Archivo FGP)

Si è concluso con verdetto unanime della giuria il 13esimo concorso fotografico realizzato da "Fondation Grand Paradis", dedicato quest'anno al tema "confini". Il concorso invitava tutti gli appassionati di fotografia a inviare immagini rappresentanti il confine inteso in tutte le sue possibili declinazioni fisiche e metaforiche, nelle quali la natura fosse protagonista della scena.
La giuria, composta da Maurizio Broglio, Davide Jaccod, Enzo Massa Micon, Paolo Rey e dal direttore di "Fondation Grand Paradis" Luisa Vuillermoz, ha apprezzato la varietà dei punti di vista degli oltre duecento scatti in concorso.

Le fotografie classificate ai primi tre posti hanno interpretato il tema "confini", rispettivamente, dal punto di vista antropologico, naturale e paesaggistico. La fotografia "Col del Rosso 1918" di Antonio Cunico di Vicenza si è aggiudicata il primo posto. La giuria ha così commentato la decisione: "I confini della storia sono segnati da ferite che la natura ricuce, senza dimenticare. La luce radente risalta le cicatrici della guerra, in una riflessione sempre attuale tra le frontiere della natura e quelle dell'uomo".
Secondo classificato è Alfonso Roberto Apicella (Cava dei Tirreni) con "Tu non puoi passare!", un'immagine premiata con la seguente motivazione: "La contesa per il territorio, per una preda, per le risorse: da qui nasce l'idea stessa di confine, raccontato da un'immagine che sottolinea la forza dello scontro continuo in natura".
Il terzo premio è stato assegnato all'opera "Aqui... Onde a terra se acaba", di Lorenzo Scacchia proveniente da Roma. L'immagine è stata apprezzata dalla giuria che ha espresso la seguente motivazione: "Lo sguardo si poggia sul confine naturale che pare invalicabile, cogliendone lo stimolo ad andare oltre i propri limiti, seguendo il proprio desiderio di scoperta e di conoscenza”.

I premi in palio sono: al primo classificato un'esperienza di due giorni per due persone nel vallone di Levionaz in Valsavarenche, al fianco dei ricercatori e del Corpo di sorveglianza del Parco Nazionale Gran Paradiso e due posti riservati in sala per la cerimonia di inaugurazione, per la prima e per la seconda serata del "Gran Paradiso Film Festival". Il secondo premio consiste nel soggiorno di una notte per due persone con trattamento "B&B" ad Introd mentre al terzo premiato saranno consegnati il libro "Parco Nazionale Gran Paradiso" a cura di Nicola e Mattia Alessi, "Il sentiero perduto" di Stefano Unterthiner ed una selezione di tre vini valdostani "marchio di qualità Gran Paradiso".
A tutti e tre i vincitori spetta una t-shirt tecnica personalizzata "Gran Paradiso Film Festival" e del materiale editoriale. La cerimonia di premiazione si terrà a Cogne lunedì 23 luglio, in occasione della riunione della giuria del pubblico. Gli scatti vincitori saranno protagonisti del catalogo della 21esima edizione del "Gran Paradiso Film Festival" e saranno corredati da alcune informazioni biografiche sugli autori.

Sono state inoltre selezionate ulteriori nove fotografie che saranno esposte, insieme agli scatti premiati, presso il centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso di Valsavarenche a partire dall'inizio del mese di luglio. Le fotografie verranno montate su quadri LED retroilluminati, visibili sia dall'interno che dall'esterno della struttura. Le immagini selezionate sono visibili sul sito web di "Fondation Grand Paradis", nella sezione dedicata al concorso.