Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Costituita una sottocommissione che dovrà scrivere la nuova legge elettorale: per la minoranza è presente solo il "Movimento Cinque Stelle"

comunicato stampa

La prima Commissione "Istituzioni e Autonomia" del Consiglio Valle, riunita nella mattinata di venerdì 4 ottobre, ha approvato la costituzione di una sottocommissione incaricata della stesura di una proposta di articolato sulla riforma della legge elettorale regionale e della forma di governo.
«La sottocommissione - spiega la presidente della prima Commissione, Patrizia Morelli - lavorerà ad una proposta di riforma finalizzata a dare maggiore stabilità al Governo regionale e che dovrà essere sottoposta all'attenzione della prima Commissione entro la metà di novembre. Ne fanno parte i commissari Alberto Bertin, Flavio Peinetti, Pierluigi Marquis e Jean-Claude Daudry, mentre per la minoranza vi ha aderito solo il "Movimento Cinque Stelle" con il consigliere Luigi Vesan».

«Quello di ritornare sulla legge elettorale regionale per affrontare l'aspetto della governabilità - aggiunge la Morelli - è un impegno che la Commissione si era assunta nel mese di febbraio scorso, dopo aver approvato lo spoglio centralizzato e la preferenza unica. Spiace che alcuni gruppi di opposizione abbiano adottato un atteggiamento di chiusura decidendo di non partecipare in questa fase a una discussione su un tema così importante. Le porte della sottocommissione rimangono comunque aperte e ci auguriamo che anche successivamente la partecipazione possa ampliarsi».

La prima Commissione, congiuntamente con la seconda Commissione "Affari generali", ha anche audito il "Consiglio permanente degli Enti locali" sulla proposta di modifica della legge regionale n. 6/2014 recante nuova disciplina dell'esercizio associato di funzioni e servizi comunali e soppressione delle Comunità montane.
«L'audizione dei rappresentanti del "Cpel" - riferiscono i presidenti della prima, Patrizia Morelli, e della seconda Commissione, Pierluigi Marquis - è stata proficua per gettare le basi di un lavoro di revisione della legge. Ora si procederà alla stesura di una bozza comprendente la proposta di legge dei consiglieri Claudio Restano, Stefano Aggravi ed Elso Gerandin oltre che le osservazioni del "Cpel" ed eventuali altre proposte provenienti dai gruppi consiliari, su cui successivamente si avvierà il confronto in Commissione».