Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Due camionisti ucraini rubano materiale elettronico al "Carrefour" di Pollein ma vengono fermati: arrestato quello che ha cercato di scappare

redazione 12vda.it
La zona dell'ipermercato 'Carrefour' di Pollein dove sono avvenuti i furti

Nazar Vassalov, 29enne camionista ucraino, è stato arrestato nel pomeriggio di lunedì 6 novembre dai Carabinieri di Aosta con l'accusa di tentata rapina impropria mentre un collega connazionale è stato denunciato per furto aggravato, reati avvenuti all'ipermercato "Carrefour" di Pollein, dove sono numerosi gli autotrasportatori che, facendo una pausa nell'area di servizio dell'ex autoporto approfittano del passaggio pedonale per recarsi nella zona commerciale.

«I due hanno asportato dagli scaffali del materiale elettronico, privandoli dei dispositivi antitaccheggio - spiegano i Militari dell'Arma, intervenuti sul posto su richiesta degli addetti alla sicurezza - e, durante le procedure di identificazione, uno dei due ha cercato di sottrarsi al controllo, venendo immediatamente bloccato e tratto in arresto. La refurtiva, del valore di circa duecento euro è stata riconsegnata».
Nella mattinata di martedì 7 novembre Vassalov, dopo aver passato la notte nelle celle di sicurezza della caserma dei Carabinieri di Aosta, ha patteggiato, nel processo "per direttissima", una pena (sospesa) di un anno e dieci mesi di carcere, una multa di seicento euro ed è stato rimesso in libertà.

ultimo aggiornamento: 
Martedì 7 Novembre '17, h.14.50

timeline