Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

In media e bassa Valle, nel 2016, sono calati i furti nelle abitazioni. Oltre centomila euro di multe agli automobilisti sulla ss26

redazione 12vda.it
Il Tenente Carmelo Mossucca, comandante della Compagnia Carabinieri di Châtillon - Saint-Vincent

Non viene definita «critica» la situazione della criminalità in media e bassa Valle d'Aosta dal comandante della Compagnia dei Carabinieri di Châtillon - Saint-Vincent, Tenente Carmelo Stefano Mossucca, prossimo Capitano. Nel tirare le fila dell'attività svolta dalle sette stazioni dei Carabinieri che copre il territorio della Valle d'Aosta che va da Quart a Pont-Saint-Martin, Mossucca, subentrato a settembre al Capitano Enzo Molinari, trasferito a Cavalese, nella Val di Fiemme, ribadisce che «la situazione è non allarmante ed è in linea con quello che si è già rilevato, nel 2016 c'è stata una tendente diminuzione, sia per i reati in generale che per i furti in abitazione, 133 rispetto ai 190 del 2015, con una riduzione del trenta per cento, mentre complessivamente, i delitti denunciati sono stati 1.153, 228 in meno dell'anno precedente».

«Collaborazione con le Polizie locali». I dati diffusi evidenziano un calo anche dei furti di autoveicoli, che sono stati dieci, mentre sono pressoché invariati i furti nelle autovetture: «c'è la nostra massima attenzione verso i reati contro il patrimonio ed i furti in abitazione - evidenzia ancora il comandante dei Carabinieri di Châtillon - Saint-Vincent - oltre al danno patrimoniale c'è la lesione della propria intimità e sono allo studio meccanismi per limitare il fenomeno con maggiori controlli soprattutto nei periodi sensibili. L'identificazione degli autori dei reati è favorita dalle segnalazioni dei cittadini, dalle registrazioni degli impianti di videosorveglianza pubblici e privati e dalla collaborazione con le Polizie locali. Recentemente, proprio grazie all'aiuto della Polizia locale di Chatillon e Saint-Vincent abbiamo scoperto, grazie alla videosorveglianza, un gruppo di ladri nelle autovetture, fermando due giovani, un maggiorenne ed una minorenne, riconosciuti da una pattuglia dopo essere stati ripresi nelle aree in cui è avvenuto il furto. Questo ci ha permesso anche di recuperare e restituire un navigatore satellitare. In altri casi abbiamo attribuito alcuni furti in abitazione a persone già indagate da un altro comando, e questi non sono quasi mai persone del luogo».

Oltre centomila euro di multe agli automobilisti. Complessivamente sono state denunciate 314 persone ed arrestate dieci, mentre l'attività di controllo di territorio si è concretizzata con circa seimila servizi tramite i quali sono state identificate quasi 12mila persone e controllati più ottomila veicoli: «i Carabinieri hanno garantito i servizi di ordine pubblico e quasi sempre con personale esclusivo - aggiunge il Tenente Mossucca - sono stati numerosi gli interventi di soccorso pubblico in occasione di incendi, incidenti domestici, suicidi e tentati suicidi, purtroppo questa è una realtà che ha una certa rilevanza. E' alta anche l'attenzione sui reati di violenza di genere, che non sono aumentati, condividendo questa situazioni con i servizi sociali sul territorio».
«Non particolarmente grave»
viene definita anche la situazione relativa allo spaccio ed al consumo di stupefacenti, che ha visto, nel 2016, il sequesto di un chilo tra cocaina, hashish e marijuana, con la denuncia di undici persone, due arresti e la segnalazione di venticinque consumatori: «rilevante è stata l'attività di vigilanza sulla circolazione stradale - continua Mossucca - vista la frequentazione della strada statale 26. Abbiamo accertato 650 infrazioni e comminato contravvenzioni per oltre centomila euro. Sono stati rilevati 83 incidenti stradali, la maggior parte con feriti e due mortali».

Con l'arrivo del Tenente Mossucca la caserma di Châtillon dei Carabinieri è stata ridipinta all'esterno, mentre all'interno sono numerosi gli interventi da eseguire, tanto che in diversi punti l'intonaco è caduto e la pavimentazione, in alcuni tratti è stata rattoppata: «avrei preferito una sede più accogliente - conclude il comandante - ma ci dividiamo quello che c'è».

ultimo aggiornamento: 
Sabato 14 Gennaio '17, h.11.55

timeline